Pronto Soccorso, barelle in doppia fila e attese infinite. Bacci: "Chiederò subito chiarimenti" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Pronto Soccorso, barelle in doppia fila e attese infinite. Bacci: “Chiederò subito chiarimenti”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Criticità e caos al Pronto soccorso dell’Ospedale di Jesi. A denunciare la gravità della situazione è il presidente del Tribunale del Malato Pasquale Liguori che punta il dito contro ritardi nel ricavare spazi e la mancanza di un monitor che segnali i tempi di attesa. L’allarme è indirizzato all’Asur e all’Amministrazione comunale: Liguori denuncia la presenza di barelle anche in doppia fila, trenta ore di attesa nella speranza di un posto letto non disponibile . Persone malate, parcheggiate sulle barelle lungo i corridoio, private della loro dignità in un momento di sofferenza. Solo ieri se ne contavano una quindicina, tutti già visitati e in attesa dalla sera precedente di una sistemazione nei reparti. “Mi sono vergognato – ha dichiarato Liguori  – Una situazione che magari poteva essere tollerata in un vecchio ospedale ma che diventa intollerabile in un ospedale nuovo per il quale sono stati spesi fior di quattrini pubblici”.

E aggiunge: “Dopo un sopralluogo al pronto soccorso fatto l’anno scorso con la presenza del Direttore Maurizio Bevilacqua, del responsabile del pronto soccorso dott. Gilberto Bruciaferri, del presidente della IV commissione Fabrizio Volpini e del consigliere regionale Enzo Giancarli era stato individuato un locale che poteva essere liberato per far posto ad almeno un certo numero di lettini. Non risolveva certo le problematiche degli spazi ma che avrebbe almeno ridotto il numero dei lettini che stazionano nel corridoio del pronto soccorso. Il Tribunale del Malato, inoltre, aveva anche richiesto oltre sei mesi fa l’installazione in sala di attesa di un monitor sul quale il paziente poteva visualizzare le attese in base alla codifica degli accessi – numero dei rossi, gialli, verdi e bianchi – in modo tale che avrebbe potuto regolarsi sul tempo da attendere  allentando cosi un po’  la tensione. Nulla è stato fatto. Nell ’ultimo incontro avuto col direttore l’11 febbraio scorso ci è stato riferito che si realizzeranno ma non si sa quando. Configurare  un monitor con le attese in questa ASUR è un affare di stato, liberare una stanza ad uso magazzino e destinarla a far posto ad alcuni  lettini altro affare molto complicato”.

E lancia un appello all’Asur e all’Amministrazione comunale , sindaco in testa: “In più occasioni, l’Amministrazione comunale ha affermato che tutto va bene e che al pronto soccorso ulteriori spazi non servono –  dichiara Liguori – Chiediamo a gran voce come ormai facciamo da tempo, se non ci volete dare degli spazi adeguati, dateci però i 54 posti letto che mancano così da poter dare cosi una sistemazione dignitosa ai pazienti”.

Il sindaco Massimo Bacci non è rimasto indifferente a tali dichiarazioni e risponde all’appello tramite nota stampa: “Prendo atto delle dichiarazioni del presidente del Tribunale del Malato circa le criticità denunciate al pronto soccorso del Carlo Urbani. Personalmente non credo di aver mai detto che tutto va bene al pronto soccorso, ma non è questo il punto. Sarà piuttosto mia premura chiedere subito un incontro al direttore generale dell’Area Vasta e al direttore generale dell’Asur per i necessari chiarimenti circa la situazione che è stata prospettata”.

Così il sindaco Massimo Bacci che aggiunge: “In verità nella visita organizzata recentemente al Carlo Urbani dal direttore Bevilacqua con il presidente della Commissione regionale della sanità Volpini ed il consigliere Giancarli, dove non si è ritenuto opportuno invitare il sindaco di Jesi, i due esponenti regionali si sarebbero fatti carico del problema del pronto soccorso, o almeno così è stato evidenziato dalla stampa. Visto quello che il Tribunale del Malato denuncia oggi, a questo punto sarò io a chiedere di fare un sopralluogo in tutti i reparti per capire come stanno realmente le cose”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.