Referendum Pergolesi, in Consiglio comunale la proposta di modifica dello statuto | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Referendum Pergolesi, in Consiglio comunale la proposta di modifica dello statuto

JESI – Nuovi sviluppi sulla vicenda legata al referendum proposto dal Comitato Nessuno Tocchi Pergolesi. Durante la prossima seduta del consiglio comunale, convocato per venerdì prossimo alle ore 18.00 (seconda convocazione lunedì 27 ore 18.00), si deciderà circa la modifica dello statuto comunale in merito alla composizione del Comitato dei Garanti e del regolamento sugli istituti di partecipazione.

Per portare i cittadini alle urne, infatti, la proposta di referendum dovrà essere valutata da un Comitato di Garanti, così come previsto dallo statuto comunale che, però,  allo stato attuale, prevede tra i propri componenti il difensore civico comunale, figura soppressa da anni.

“La figura del difensore era nominata dal Consiglio: sia così anche per quel tecnico che ne dovrà prendere il posto nel comitato” aveva detto durante lo scorso Consiglio comunale il Sindaco Massimo Bacci, dichiarandosi disponibile a mettere mano al vecchio statuto.

La proposta di modifica sarà messa ai voti venerdì prossimo, dunque, e riguarderà dunque l’art. 21 comma 8 dello statuto comunale, suggerendo di sostituire nel Comitato dei Garanti il difensore civico comunale con un componente, che lo presiede, eletto dal Consiglio Comunale.

Secondo la proposta di deliberazione, sarà il Segretario Comunale a sovraintendere lo svolgimento delle funzioni del Comitato dei Garanti e a partecipare alle riunioni dello stesso curandone la verbalizzazione. Le candidature possono essere presentate dai gruppi di maggioranza e minoranza attraverso i capigruppo.

Questa la proposta avanzata e che sarà messa ai voti venerdì. Intanto dal Comitato Nessuno Tocchi Pergolesi: “E’ importante che non si traccheggi nell’individuazione dei nomi dei Garanti che procedano alla valutazione dell’istanza. Ci auguriamo che queste tre persone agiscano in nome del buon senso, affinché anche i cittadini possano pronunciarsi sulla questione. In caso di accettazione della proposta referendaria, abbiamo 60 giorni di tempo per raccogliere le 2000 firme necessarie per portare la popolazione alle urne”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.