Riaprono le iscrizioni alla Scuola di Teatro TeatrOtello.it | | Password Magazine

Riaprono le iscrizioni alla Scuola di Teatro TeatrOtello.it

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Con l’inizio del mese di ottobre riprendono le lezioni alla Scuola di Teatro, l’unica vera scuola di teatro a Jesi, che oltre ad essere completamente autofinanziata è giunta al suo ventisettesimo anno di esperienza.  Dopo una permanenza “nomade” presso i locali delle Circoscrizioni e presso la Scuola media Federico II, dal 2000 le lezioni si svolgono in uno spazio “definitivo” molto originale: 280 mq a Jesi in via dell’Esino 13 che, grazie all’intervento di ingegneri, architetti, geometri, elettricisti e saldatori, da bottega di falegname è diventato “Bottega Teatrale”. Un bellissimo “limen” tra città e campagna, attrezzato come teatro con una capienza di circa 90 posti a sedere, e un’aula didattica per la Scuola TeatrOtello.

A più di vent’anni dalla sua nascita, oggi la nostra Scuola di Teatro è una solida realtà di formazione culturale e umana che trae alimento e gratificazione dalla qualità e dalla quantità dei risultati. Essa ha classi distinte per bambini ed adolescenti nel pomeriggio, giovani ed adulti la sera ed ha una presenza capillare nelle scuole di ogni ordine e grado della Vallesina.

L’esperienza della Scuola di Teatro è stata  voluta con fermezza e portata avanti con impegno dai suoi  promotori Gianfranco Frelli, formatosi alla scuola di recitazione di A.Galante Garrone a Bologna, e Patrizia Taglianini, docene di lettere a indirizzo artistico. “Imparare a proporsi agli altri e ad esprimersi sulla scena per conoscere se stessi”, questo potrebbe essere lo slogan della scuola e ne è certamente lo spirito informatore e l’obiettivo didattico principale. La Scuola di Teatro TeatrOtello vuole dare le coordinate per ritrovare in noi la fantasia, l’allegria, l’estro creativo. Le materie insegnate sono: improvvisazione, dizione e recitazione e gestualità, materie legate dal vincolo dell’interdisciplinarietà e sviluppate parallelamente al fine di offrire una preparazione globale all’aspirante attore. Il corso non è infatti un semplice laboratorio ma una scuola vera e propria che offre una base solida e sistematica per chi volesse poi continuare come professionista nelle compagnie teatrali. Da alcuni anni ha attivato con grande successo corsi per bambini a cui vengono insegnate gestualità, animazione e drammatizzazione attraverso testi adeguati a loro o da loro stessi scritti. Anche per i bambini l’attività teatrale ha una grande importanza educativa, psico-motoria e ludica, aiutandoli a sviluppare la propria personalità in modo libero e originale e lasciando spazio alla creatività e al loro innato trasformismo.  Le lezioni seguono il calendario scolastico, quindi vanno da ottobre e giugno e ogni anno si concludono con la realizzazione di una rassegna che, oltre ai saggi degli allievi, prevede l’allestimento di testi da parte di ex allievi che si sono riuniti in gruppi o in associazioni per portare avanti anche autonomamente ciò che hanno appreso.  L’insegnante e regista degli spettacoli Gianfranco Frelli attinge al teatro classico, al musical, al teatro di strada, ma lascia anche molto spazio alla fantasia degli allievi che sono chiamati a scrivere testi e a partecipare alla regia. Dalla sua fondazione ad oggi la Scuola di Teatro è stata frequentata da 3300 giovani, tutti vengono coinvolti nella realizzazione di testi, di soggetti, di sceneggiature, di riprese video, e/o come attori, musicisti, grafici, tecnici, giocolieri, funamboli e trampolieri, danzatori, registi, costumisti, partecipano alla messa in scena delle produzioni teatrali e dei video.

Tra le tappe più significative della vastissima produzione del TeatrOtello va ricordato lo spettacolo ”Festa grande di Aprile” di Franco Antonicelli,  prodotto dal Centro Studi Piero Calamandrei di Jesi, realizzato in occasione dei 150 anni dell’unià d’Italia. La trilogia dedicata alla Resistenza: Il grande cuore marchigiano, Nome di battaglia Maria e Cara mamma caro babbo vi scrivo, oltre al commovente  “non rinunciare, storie di caive ragazze” tutti scritti dallo stesso  Frelli; lo spettacolo “Il sarto” tratto dalla vita avventurosa di Francesco Italiano scritta da lui medesimo.

Dal 2000 al 2005 è nata una collaborazione con il Comune di Chiaravalle, lanciata dal Dottor Sbarbati, che ha permesso l’istituzione di una vera è propria scuola di teatro per Disabili presso il Centro Sociale “Arcobaleno”. Frelli ha inoltre ha realizzato progetti teatrali per e con gli studenti e gli insegnanti presso l’Istituto Comprensivo “Carlo Urbani” di Moie di Maiolati, il Liceo Classico Giulio Perticari di Senigallia, il Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci, il Liceo Classico Vittorio Emanale II, l’IPSIA Egisto Pieralisi, l’ITAS Galileo Galilei di Jesi e la Scuola Media di Ripe e tante altre.

Tra i riconoscimenti più prestigiosi ricordiamo:   1993 Riconoscimento Comunità Europea; 1999 Secondo premio Teatro internazionale Altamura (Ba); 2011 Secondo premio Regione Marche Rassegna Teatri dell’anima; 2014 Primo premio Ministero dell’Istruzione (Regione Marche).

I prossimi appuntamenti imminenti sono: il 20 settembre alle ore 21.30 in via Esino 13 “Parole scappate di bocca”, dialoghi cominci; il 21 settembre dalle ore 9.30 fino alle 11.30 “Agguati teatrali” lungo le sponde del fiume Esino tra Jesi e Maiolati, in collaborazione con “Asiamente”; il 22 settembre alle 18.30 sulla scalinata del Cavalcavia del viale della Vittoria “Storie”, in collaborazione con la gelateria Ciro e Pio. Altre informazioni telefonando al 3331600201 – 0731202842,  cocuje@libero.it, facebook: Teatrotello.it

 

Comunicato da: Teatro Otello

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.