Le Api di Eugenio Casini, da Amatrice in Vallesina torneranno a casa a primavera | Password Magazine

Le Api di Eugenio Casini, da Amatrice in Vallesina torneranno a casa a primavera

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

 

VALLESINA – Andrea Picciarelli, apicoltore di Chiaravalle, come promesso nell’articolo del 22 settembre, onora il suo impegno nell’aggiornare i lettori di Password sulla situazione delle api di Amatrice, adottate da un gruppo di apicoltori della Vallesina a seguito della scomparsa del collega, rimasto vittima del terremoto.

“Lunedì scorso, siamo tornati in quel di Amatrice per ultimare il lavoro iniziato la settimana scorsa e trasferire le casse rimaste nella nostra valle – racconta Picciarelli –  Tornado in quella cittadina e restandovi per alcune ore in più rispetto al primo viaggio ho potuto approfondire la conoscenza della famiglia Casini o meglio di ciò che ne rimane dopo il sisma che ha mietuto molte vittime”. Il terremoto, infatti, ha strappato via la vita non solo all’apicoltore ma anche a sua moglie e alla figlia diciottenne. A restare in vita, solo la sorella e la madre che, però, non sono capaci di accudire le api. Di qui la scelta dei colleghi della Vallesina di adottare gli insetti, così utili per tutti: “Una cosa su tutte mi ha impressionato molto e cioè che queste persone nonostante tutto ciò che gli è successo hanno ancora la capacità di sorridere tant’è vero che la sorella del rimpianto Eugenio Casini, ha trascorso con noi la mattinata in apiario replicando simpaticamente a tutte le nostre ilarità – racconta Picciarelli –  La bella giornata è trascorsa quindi leggera tra il lavoro con le api, il pranzo e attendendo l’imbrunire per poter poi alla fine caricare gli insetti per il trasferimento”. Poi un momento toccante e significativo che l’apicoltore vuole condividere con i lettori: “Prima della nostra partenza, durante i saluti, gli eredi Casini ci hanno dato un assaggio della loro forza interiore abbracciandoci. Invece di essere noi a trasmettere loro un po’ di forza, con quel gesto sono stati loro a darne a noi:  tanto che l’unica ragazza che fa parte del nostro gruppo di apicoltori, commuovendosi, ci ha confidato di aver compreso il significato di un abbraccio vero, grazie al progetto “Salviamo le api di Amatrice”.

Per ora le api del compianto Casini, da Amatrice sono state trasferite in toto in Vallesina, dove saranno accudite nel migliore dei modi possibili e moltiplicate, per poi essere restituite a primavera prossima ai legittimi proprietari. Ovviamente permane l’invito ai lettori di acquistare miele e prodotti dell’alveare dagli apicoltori locali e se rivuole per aiutare le api di Amatrice. Per informazioni, è possibile contattare Andrea Picciarelli al numero 3246159184. 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.