Ristoratore stanco si sfoga sul web: «Basta, noi restiamo aperti» | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Ristoratore stanco si sfoga sul web: «Basta, noi restiamo aperti»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CINGOLI – «Basta, siamo stanchi delle limitazioni. Riapriremo il ristorante a pranzo e a cena». Così Lorenzo Bravi, titolare del ristorante «Il Boccale d’Oro» di Cingoli, si sfoga sui social postando un video: «Informo tutti che resteremo aperti sempre, a pranzo e a cena, non solo per l’asporto. Il motivo? Sono stanco. Se qualcuno è contrario mi trova qui». Con un annuncio provocatorio, tra rabbia e disperazione, si rivolge alla politica: «Qualsiasi cosa succede io resto aperto con il servizio pranzo e il servizio cena – spiega -. Nel 2020 il mio fatturato si è ridotto a un terzo. Mi arresteranno? Non lo so. Arriverà una multa? Se non apro, non avrò soldi per pagare».

Il video è stato condiviso da molti sui social e riscosso la solidarietà di molti utenti.

Al Resto del Carlino Bravi ha inoltre dichiarato: «Ho tre dipendenti e la cassa integrazione è arrivata dopo quattro mesi. Ho speso 40 mila euro per il food  truck, un furgoncino grazie al quale poter cucinare sotto casa dei clienti».  Un furgoncino che si è spostato di paese in paese, arrivando anche qui in Vallesina.
Il ristoratore ha precisato che il denaro speso per il food truck è da restituire alla banca e di aver già attinto dai suoi risparmi dei suoi figli per pagare i dipendenti. «Spero che le cose possano migliorare, sto perdendo l’attività».

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.