Sanità, carenze di letto e personale al centro dell'audizione in Regione | | Password Magazine

Sanità, carenze di letto e personale al centro dell’audizione in Regione

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Problematiche dell’ospedale Carlo Urbani, il 16 gennaio scorso c’è stata l’audizione richiesta a settembre scorso dal Tribunale per i Diritti del Malato (TDM), dal Comitato Difesa Ospedale, OOSS e RLS. In Regione, erano presenti sia il presidente Volpini che i consiglieri di maggioranza e minoranza che hanno ascoltato con molto interesse gli aspetti  trattati . L’argomento principe affrontato è stata la carenza degli organici e i tagli ai posti letto (meno 45 posti non più ripristinati dopo il taglio attribuito ai piani ferie). Il coordinatore del TDM Pasquale Liguori, dopo aver introdotto l’incontro, ha sottolineato che i tagli lineari ai posti letto hanno prodotto una serie di problematiche a pazienti ed operatori, in particolare al Pronto soccorso che non è in grado di trovare posto al paziente trattenendolo al triage o, a volte,  molto peggio dimettendolo. Insieme al rappresentante RLS, sono state evidenziate le gravi conseguenze che può avere la carenza dell’organico con situazioni che mettono a rischio la sicurezza del paziente ma anche dell’operatore sanitario, aspetto questo certificato da sentenze e studi: recentemente è stato scoperto che se ogni infermiere assistesse massimo 6 pazienti ( anziché 11 in media come avviene oggi) si eviterebbero 3500 morti l’anno. Per quanto riguarda il Pronto soccorso, Liguori ha chiesto anche  alla Commissione di sollecitare l’ASUR per l’ampliamento dello stesso, per dare dignità e riservatezza i pazienti.

Altro effetto della carenza di organico è stata evidenziata per quanto riguarda il CUP ove , talvolta , due soli operatori devono fronteggiare una platea in attesa di anche cinquanta persone. «Abbiamo chiesto di aprire i CUP in farmacia e presso i medici di famiglia» sottolinea Liguori. Le liste d’attesa sono state poi gli argomenti trattati sia dal TDM che dal Comitato difesa ospedale che insieme  hanno smentito i toni trionfalistici della Regione in merito all’azzeramento delle code, evidenziando in particolare le lunghe attese per interventi chirurgici. Affrontata anche la questione del rinnovo tecnologico di molte apparecchiature, come ad esempio della Urologia e dell’Otorino che risalgono ad un ventennio fa e che oggi non garantiscono più sicurezza e precisione della diagnosi. Le OOSS hanno evidenziato poi le discriminazioni perpetrate dalla Regione nell’assegnazione dei budget annuali come è avvenuto a luglio dello scorso anno quando all’AV2 sono stati  tagliati 7 milioni di euro mentre all’AV3 c’è stato un incrementato di 9 milioni: «Grande preoccupazione – hanno evidenziato – per la chiara tendenza della politica regionale di indirizzare la sanità verso il privato con conseguenze pesanti sulle tasche dei cittadini». L’audizione si è chiusa con una forte raccomandazione ai consiglieri da parte di tutti di portare le istanze formulate nelle sedi opportune perché se ne tenga conto nelle future scelte della politica regionale.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.