Banca Marche, gli azionisti corrono ai ripari | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Banca Marche, gli azionisti corrono ai ripari

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – L’associazione dei consumatori Cittadinanza Attiva continua la propria attività di rivendicazione a difesa degli intessi dei piccoli azionisti di Banca Marche. L’associazione fa presente come la questione relativa agli azionisti di Banca Marche sia purtroppo finita peggio di quel che si poteva pensare con l’azzeramento del valore delle azioni dei 44.000 soci, per lo più risparmiatori, che hanno creduto nella banca del territorio.

Ora gli azionisti, ove non intervenga un qualche improbabile  provvedimento integrativo, una volta azzerato il vincolo societario ,sono pienamente legittimati a tutelare le loro ragioni nei confronti di eventuali responsabili dei gravi danni subiti.

Anche il Sindaco del Comune di Jesi Massimo Bacci ha espresso le sue parole di vicinanza e di solidarietà agli azionisti ” ai tantissimi che hanno visto bruciare i risparmi di una vita. Hanno creduto in una banca del territorio – ha scritto sulla sua pagina Facebook – sono stati traditi da persone sulle responsabilità delle quali confido che la giustizia sappia fare presto e fino in fondo piena luce”.

“Si sapeva da tempo che gli azionisti avrebbero perso tutto o quasi e trovo sorprendente che tra gli ex amministratori ci sia qualcuno che ancora parli quando dovrebbe avere la dignità di tacere dopo quello che è stato combinato – ha aggiunto – Mi auguro solo che la Nuova Banca Marche torni ad essere una vera banca a servizio del territorio e che garantisca la piena occupazione dei dipendenti che sono stati l’unica e vera risorsa che ha permesso all’istituto di credito di sopravvivere”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.