Fiere di San Settimio, un documento del 1304 ne attesta le antiche origini

JESI – Al via oggi le fiere di San Settimio. È custodito negli archivi della Biblioteca planettiana, il primo documento ufficiale che attesta la presenza a Jesi delle Fiere già da oltre 700 anni fa. È datato infatti 2 settembre 1304 ed è il messaggio di un banditore pubblico che annuncia ad Assisi e Perugia: “che chiunque voglia recarsi alle fiere della città di Jesi che cominciano il giorno 22 del mese di settembre prossimo venturo e proseguono fino al 15 del successivo mese di ottobre, può recarsi, soggiornare e ritornare liberamente e in sicurezza nella rocca, contado, giurisdizione e distretto della sopradetta città nel periodo delle medesime fiere e per quindici giorni prima dell’inizio delle suddette e così anche coloro che a lui si accompagnano, persone e cose. Quanto sopra vale per tutti, fatta eccezione per chi è stato bandito dalla Chiesa di Roma e dalla sopradetta città, nonché falsari, ladri e briganti, e altri uomini di malaffare: essi non devono andare”.

E nonostante siano passati oltre 700 anni, ancora oggi resta ben salda la tradizione: oltre 500 bancarelle a partire da oggi e fino a mercoledì invadono le vie del centro richiamando visitatori da ogni dove.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*