Sanità, macchinario salvavita inviato ai pazienti senza pezzi di ricambio

 

JESI – Il Cpap è un dispositivo che consente la ventilazione notturna per quelle persone che soffrono di apnee notturne. La sindrome riguarda oltre mille persone in provincia di Ancona: il respiro si ferma una o più volte, oppure rallenta eccessivamente durante il sonno. Pazienti che, in determinati casi, ricevono a casa la macchina e a cadenza mensile anche i pezzi di ricambio necessari per la sicurezza del paziente e il corretto funzionamento del dispositivo. “Lo scorso luglio ai pazienti è arrivata una lettera – spiega Ugo Grilli per la Uil Pensionati Marche – Dicono che è subentrata una nuova ditta di Monza che si occupa del dispositivo salvavita, a seguito della gara d’appalto indetta dall’Asur Marche”. Testualmente la nuova ditta si occupa della “fornitura di ossigeno terapeutico liquido o gassoso ed attrezzature per ossigenoterapia e ventiloterapia per pazienti in cura domiciliare”. “Quando la nuova ditta ha consegnato il dispositivo però – continua Grilli – mancavano di ricambio. Sono pezzi importanti perché questa macchina, lavorando con ossigeno e acqua per parecchie ore necessita di lavaggi accurati e si può deteriorare facilmente. Pochi giorni fa, poiché i pezzi non arrivavano, ho chiamato l’Asur come responsabile Uil pensionati Marche che ha detto di non saperne nulla, finché la stessa ditta mi ha riferito che fanno consegne una volta all’anno. E se si rompe un pezzo o deve essere sostituito, il paziente come fa? Non si può aspettare tutto questo tempo! La ditta precedente mandava i pezzi ogni quattro mesi perché venissero cambiati e ogni due mesi passava un tecnico per verificarne il corretto funzionamento. Ripeto, è un apparecchio che va lavato spesso e sta in funzione molte ore”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*