Sisma, crolli in oltre cento comuni marchigiani

REGIONE – Sono oltre un centinaio i comuni delle Marche che hanno segnalato crolli. Non si segnalano feriti nelle Marche a seguito del sisma di ieri, mentre è in corso il trasferimento di circa mille sfollati dalle aree colpite alle strutture ricettive della costa. Si sta inoltre provvedendo, sul posto, alla logistica e alla somministrazione dei pasti. Sotto il coordinamento della Dicomac operativa a Rieti, le protezioni civili delle varie regioni italiane stanno inviando nelle Marche personale e attrezzature richieste per le esigenze locali manifestate dai sindaci. Sono in arrivo tremila brandine. Il punto della situazione è stata fatto, ieri  pomeriggio, presso il Cor (Centro operativo regionale) Marche, nel corso di una videoconferenza con la Dicomac (Direzione di comando e controllo della protezione civile nazionale), la Soi (Sala operativa integrata) Macerata e la sala operativa di protezione civile della Regione Umbria. Nelle Marche, insieme alle altre strutture operative, stanno operando, sul territorio, circa 600 volontari (450 del sistema regionale, 10 provenienti dall’Abruzzo, 75 della Croce rossa italiana e 60 dell’Anpas), affiancati da squadre di pronto intervento reperibili, da attivare secondo le necessità. La protezione civile regionale informa, inoltre, che tutti gli ospiti delle varie Residenze per anziani marchigiane che segnalavano lesioni o situazioni da monitorare, anche in via precauzionale, sono stati trasferiti in altre strutture dedicate.

Anche oggi il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli si trova nell’area colpita dal sisma e sta continuando i sopralluoghi nei singoli Comuni insieme al Capo Dipartimento della Protezione civile Fabrizio Curcio, al commissario straordinario per la ricostruzione Vasco Errani e all’assessore regionale Angelo Sciapichetti. Questa mattina sono stati a Treia, San Severino Marche, Fiastra, Acquacanina, Bolognola, Caldarola, Camporotondo, San Ginesio e Belforte sul Chienti per incontrare gli amministratori.

“E’ evidente l’aggravamento rispetto al primo sisma – sottolinea Ceriscioli – ed è molto importante rendersi conto di persona e tenere i contatti con le amministrazioni. Il nostro giro di sopralluoghi continua nel territorio. Bisogna che i sindaci abbiano un po’ di pazienza, perché non riusciamo contemporaneamente a essere dappertutto, volendoci andare fisicamente. Il messaggio deve essere chiaro per tutti: è essenziale far sentire questa presenza come vicinanza e collaborazione. Abbiamo scoperto proprio in questi giorni quanto è stato importante creare sintonia tra il Commissario straordinario, la Regione, i Comuni, la Protezione civile, per permettere ai cittadini di trovare subito una risposta. Ad agosto ci sono state le tende, perché era possibile. Questa volta gli alberghi. Voglio veramente segnalare come lavorando insieme alla fine si converge su quello che è l’interesse principale, cioè il bene dei cittadini. La macchina va avanti, gli appuntamenti sono tanti. Noi contiamo di poter realizzare i contenuti del decreto, che probabilmente sarà adattato alla mutata situazione, ma resta uno strumento estremamente valido per affrontare oggi l’emergenza e domani la ricostruzione. Useremo sempre il massimo rigore e la massima attenzione, perché ci teniamo a che ogni euro pubblico vada a finire a chi ha veramente bisogno. Il decreto ha anche obiettivi specifici per quanto riguarda l’adeguamento sismico delle strutture pubbliche e di miglioramento delle strutture private. Quindi si tratta veramente di una impostazione molto sana”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*