Silvia Gregori lascia la Lega ma resta in Consiglio: «Veleni nel coordinamento»

JESI – “Otto mesi di attriti e di veleni interni al coordinamento locale, con attacchi anche a livello personale”. È a causa di questo clima di tensione che la consigliera comunale Silvia Gregori ha preso la decisione di abbandonare la Lega jesina e il partito, “ora che non sono neanche condivisibili le scelte effettuate da Salvini di formare un governo con i Cinque Stelle, mettendo da parte la coalizione di centrodestra”, ha aggiunto.

La Gregori guarda avanti: resterà in carica come consigliere comunale, rapprrsentando se stessa e mantenendo tutte le sue funzioni politiche, tranne la partecipazione alle commissioni che potrà comunque seguire da esterna. “Questo fino alla fine dell’estate – fa sapere – Poi deciderò se confluire all’interno di qualche gruppo o se assumere una diversa identità politica che abbia comunque una sua rappresentanza in Regione“. La Gregori smentisce dunque le voci che parlano di un avvicinamento al Movimento 5 Stelle o addirittura di un suo ingresso in maggioranza. “È vero, mi sento vicina a questa Amministrazione Bacci su diversi fronti ma su altri non sono invece soddisfatta – spiega la consigliera – Jesi ha bisogno di un suo equilibrio politico e per questo deve esserci anche un’opposizione di qualità”.

Priorità per la Gregori, adesso, è tutelare il suo elettorato: “Continuerò a portare avanti le battaglie per cui i cittadini mi hanno scelta: mi riferisco alle lotte contro l’immigrazione irregolare, il degrado urbano, le disuguaglianze sociali. Con un’attenzione in più per gli animali, per cui ho in mente progetti importanti”.

Gli auguri di buon lavoro poi a Gianni Ponzetti, coordinatore della Lega di Jesi fresco di nomina : “C’è ancora molto da fare in questa città, sono certa che Ponzetti sarà in grado di guidare il gruppo e dare il suo contributo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*