Smog, sforato in città il limite polveri sottili | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Smog, sforato in città il limite polveri sottili

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Autovetture, veicoli commerciali diesel più inquinanti fermi da mercoledì prossimo e per otto giorni consecutivi nelle fasce orarie che vanno dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18.30. Lo ha disposto con un’ordinanza il sindaco Massimo Bacci quale effetto immediato contro il superamento dei 35 giorni annui consentiti dalla legge per lo sforamento dei valori limite di 50 microgrammi per metro cubo di polveri sottili, le cosiddette Pm10.

Il provvedimento, che interessa i mezzi diesel pre euro, euro 1 ed euro 2 (tranne i veicoli commerciali leggeri per i quali il limite si ferma all’euro 1) coinvolge anche i trattori diesel di più vecchia data, i ciclomotori e motocicli pre euro ed è stato assunto sulla base dell’apposito Regolamento approvato dal Consiglio comunale. Traffico consentito per quei mezzi che, pur rientrando nelle categorie sopracitate, sono adibiti a trasporto sanitario, di persone disabili, per servizi di sicurezza, per operazione di carico e scarico o con almeno tre persone a bordo.

Da lunedì prossimo, nella rete civica comunale sarà pubblicata l’ordinanza con tutti i limiti e le esclusioni previste ed i confini del territorio urbano dove si applica l’ordinanza che potrà essere prorogata qualora i valori non rientrassero nella norma.

Il superamento della soglia dei 35 giorni, così come certificato dall’Arpam, si è registrato a metà settimana, frutto di un picco di quasi 20 giorni continuati di superamento della soglia dei 50 microgrammi per metro cubo dopo che, per quasi10 mesi, i giorni di sforamento erano stati appena 15. L’effetto combinato dell’accensione degli impianti di riscaldamento con una situazione meteorologica che ha registrato assenze di pioggia e vento ha determinato il picco sulla base dei rilievi effettuati dalla centralina ufficiale posta in prossimità del semaforo tra viale della Vittoria e viale del Lavoro.

C’è da dire che l’altra centralina per la rilevazione di Pm10 ed anche Pm 2,5 acquistata dal Comune e posizionata in via Roma (zona ex seminario) per monitorare al meglio la situazione, ha fatto registrare la metà dei superamenti rispetto a quella del Viale.

“Questo significa – ha evidenziato al riguardo l’assessore all’ambiente Cinzia Napolitano  – che il traffico veicolare è la causa principale della presenza polveri sottili nell’aria che respiriamo, ma anche i riscaldamenti domestici contribuiscono alle immissioni di polveri. Soprattutto i caminetti e le stufe a pellet, visto che un solo caminetto emette una quantità di polveri pari a circa 2000 caldaie a gas. È evidente quindi che la quantità di inquinanti, quali le polveri sottili, presenti nell’aria che respiriamo dipende dai nostri comportamenti. Ogni cittadino può contribuire a peggiorare  o migliorare la qualità dell’aria della nostra città. È importante che ognuno faccia delle scelte responsabili: cerchiamo di usare l’automobile il meno possibile, preferendo i mezzi pubblici o la bicicletta o le nostre gambe per fare tragitti brevi. Teniamo il riscaldamento più basso, bastano 19 gradi in casa, come per altro dispone una apposita ordinanza, accendiamo di meno stufe e caminetti che inquinano tantissimo l’aria. La realizzazione delle piste ciclabili – ha continuato la Napolitano – i buoni sconto per le famiglie che scelgono il piedibus lo scuolabus o il car pooling nei tragitti casa-scuola e viceversa, le biciclette elettriche comunali, gli incentivi economici alle pizzerie e ai ristoranti per l’apposizione di filtri che riducano le emissioni di polveri e fuliggine dai camini dei forni a legna, sono tutte azioni per migliorare la qualità della vita della nostra città: meno inquinamento, meno rumore, più salute per tutti”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.