Piazza Colocci, verso quale destino? | Password Magazine
Festival Pergolesi

Piazza Colocci, verso quale destino?

Lega Nord Jesi porta la questione in Consiglio comunale. Laboratorio Sinistra propone incontro pubblico

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Si avvicina la data del prossimo Consiglio comunale, indetto per giovedì 28 settembre, e inevitabilmente, passate le fiere, si torna a discutere del destino degli scavi in Piazza Colocci. Dopo il termine dei lavori, sono in corso gli accertamenti per terminare l’opera di pulizia e procedere con lo scanner della piazza, utile per una ricostruzione virtuale. Ad allungare i tempi le piogge di stagione, le festività del Patrono e, infine, la presenza di un cavo in mezzo alla piazza, nascosto sotto la passerella in diagonale, di cui gli addetti stanno cercando di comprendere la proprietà: “Non appartiene all’Enel, quindi potrebbe essere un cavo del telefono ma attendiamo conferme dalla Telecom: se è ancora in utilizzo, la procedura potrebbe allungarsi –  spiega Matteo Tadolti, l’archeologo che si è occupato dei lavori negli scavi –  Lo scanner si farà non appena terminata l’opera di ripulitura della piazza, suppongo la prossima settimana”. Intanto Comune e Soprintendenza starebbero valutando insieme le sorti della piazza che divide in due la città e l’opinione pubblica, tra chi vorrebbe la ricopertura piena con tanto di ripristino dei parcheggi e chi, invece, vorrebbe lasciare i reperti a vista, magari con una pavimentazione a lastre di vetro.

Movimenti d’opinione che non lasciano indifferente la politica cittadina, tanto che, al prossimo Consiglio comunale Silvia Gregori, Lega Nord, presenterà un’interpellanza in merito alla questione. Anche Laboratorio Sinistra fa sapere, tramite una nota stampa, di prediligere il mantenimento e la tutela dei rinvenimenti storici di piazza Colocci, ritenuti “di fondamentale importanza” e proponendo “di trasformare gli scavi da un spesa a una risorsa economica e culturale, riqualificando l’intero complesso di Palazzo della Signoria, Palazzo Bisaccioni e Chiesa di Sant’Agostino” con l’obiettivo è di “trasformare tale luogo in un polo culturale attivo e funzionale per i cittadini e per i turisti” magari attingendo a fondi comunitari o sponsorizzazioni private, come l’art bonus. Pertanto, propone all’Amministrazione comunale un incontro pubblico e informativo sull’argomento, dove poter discutere insieme sulla soluzione migliore condivisa da intraprendere.

Chiara Cascio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.