Rimessi in libertà i ladri della Beyfin ma obbligo di tornare a Modena | | Password Magazine

Rimessi in libertà i ladri della Beyfin ma obbligo di tornare a Modena

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Questa mattina sono stati convalidati gli arresti effettuati ieri dai Carabinieri di Jesi per furto aggravato ai danni del distributore di benzina Beyfin.

I due nomadi, R.D. e D.B.D., di anni 26 e 29 anni, entrambi pluripregiudicati, sono stati rimessi in libertà con l’unica misura restrittiva dell’obbligo di dimora a Modena, dove sono residenti. Identificato e denunciato il terzo ladro che era riuscito a scappare ieri (F.D., nomade di anni 28, anche lui pluripregiudicato).

I tre soggetti avevano rotto il vetro posteriore destro dell’autovettura di proprietà del gestore del distributore “Beyfin” di via Roma di Jesi e asportato via un borsello, incautamente lasciato in macchina dal gestore, contenente 210 euro in contanti e le chiavi degli uffici del distributore, probabilmente il vero obiettivo dei ladri.

I tre soggetti si erano poi recati presso il predetto distributore di via Roma e avevano tentato di introdursi all’interno degli uffici ove era custodita la cassaforte. Disturbati dall’arrivo dei Carabinieri erano fuggiti a forte velocità a bordo di una Renault Megane di proprietà di uno degli arrestati.

Ne era nato un inseguimento terminato in via Gallodoro dove la Gazzella dei carabinieri aveva tagliato la strada ai fuggitivi fermandone la folle corsa.

I tre ladri erano scappati poi a piedi e due di loro sono stati bloccati, mentre un terzo era riuscito a fuggire.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.