Social Opera Festival, due spettacoli al Teatro Moriconi

JESI – Giovedì 12 maggio al Teatro Moriconi di Jesi il SOCIAL OPERA FESTIVAL presenta due spettacoli liberamente ispirati all’opera lirica “I Capuleti e i Montecchi” di Vincenzo Bellini e alla storia di Giulietta e Romeo: alle ore 14,30 “E dopo le famiglie fanno pace” con i bambini della scuola dell’Infanzia ‘Sbriscia’ di Jesi, e alle ore 17 “Ciak: uno e più volti”  della scuola secondaria di primo grado ‘Galli’ di Montecarotto.

Studenti in scena oggi pomeriggio – giovedì 12 maggio – al Teatro Moriconi di Jesi per la seconda edizione del Social Opera Festival curato dalla Fondazione Pergolesi Spontini e curato da Silvano Sbarbati con il patrocinio del Comune di Jesi e dell’A.S.P. Ambito 9 Comune di Jesi.

In scena, alle ore 14,30, i bambini della scuola dell’infanzia “Sbriscia” di Jesi, e alle ore 17 i ragazzi della scuola secondaria di primo grado “Galli” di Montecarotto, con due spettacoli liberamente ispirati dall’opera lirica “I Capuleti e i Montecchi” di Vincenzo Bellini e alla romantica storia di Giulietta e Romeo che ne è il centro drammaturgico. L’ingresso è libero.

Gli spettacoli sono l’esito finale di alcuni dei numerosi Laboratori di teatralità che gli operatori del Social Opera Team della Fondazione Pergolesi Spontini hanno condotto all’interno delle scuole, tra le associazioni, nelle comunità locali e tra gli utenti dei servizi socio-sanitari del territorio. I Laboratori sono nati nell’ambito di un progetto pluriennale, chiamato appunto “social Opera”, organizzato dalla Fondazione per far conoscere il valore emozionale e la modernità del melodramma in ogni ambito sociale.

Alle ore 14,30 l’appuntamento è con i bambini di cinque anni dello “Sbriscia”. La loro performance, intitolata “E dopo le famiglie fanno pace”, nasce grazie alla collaborazione dell’Istituto Comprensivo “San Francesco” di Jesi ed al contributo di JesiServizi. Protagonisti in scena sono Romeo e Giulietta, due giovani di Verona che si innamorarono nonostante appartengono a famiglie da sempre rivali. Nella “fiaba” a lieti fine l’amore vince grazie all’incontro tra le due famiglie che si chiedono scusa. Con questo percorso l’attività dell’insegnante con il supporto degli operatori si è concentrata sul corpo e sulla validità educativa del movimento spontaneo e naturale che, coniugati con un linguaggio verbale libero, permette al bambino di esprimersi in tutte le sue dimensioni: emotiva, di movimento e creativa.

Segue, alle ore 17, la Scuola Secondaria di I grado “G. Galli” di Montecarotto (classe I C) in collaborazione con l’Istituto Comprensivo Arcevia-Montecarotto-Serra de’ Conti – Arcevia (AN) presenta “Ciak: uno e più volti”. I ragazzi immaginano di girare le scene di una rappresentazione, che sembrava già fatta. Ma c’è forse un solo modo di leggere la storia di Romeo e Giulietta? Nel laboratorio si scoprono i tanti volti di una stessa persona. Diverse scene, ognuna con un proprio regista con tempi e interpretazioni diverse. Ma tutti, alla fine, diventano protagonisti. Questo è stato il modo, che il gruppo di Montecarotto ha sperimentato, per far alternare sulla scena tanti Romei e Giuliette, con le loro sfaccettature, in una dimensione veramente corale, in cui è la musica a scandire i momenti più significativi.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*