Giornata della Memoria, un fumetto per gli studenti della "Lorenzini" | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Giornata della Memoria, un fumetto per gli studenti della “Lorenzini”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Quattro classi, circa 80 studenti. Sono quelli della media “Lorenzini” di Jesi, che celebreranno la Giornata della Memoria, partecipando ad un’iniziativa promossa dall’Anpi di Senigallia. Il 27 gennaio riceveranno un fumetto tutto loro, realizzato cioè proprio per gli alunni delle scuole secondarie di primo grado da Mabel Morri, autrice e disegnatrice di comics, nonché vicepresidente dell’Anpi di Senigallia, Sezione Giulia Giuliani e Luigi Olivi. Avrei potuto essere io è il titolo della breve pubblicazione, che mira a sensibilizzare i più giovani sul significato della giornata dedicata al ricordo dell’Olocausto. Lo fa con intelligenza e l’accattivante veste di una raffinata graphic novel. Solo che ad esserne protagonisti non sono i soliti supereroi della Marvel, ma dei ragazzi qualsiasi, di una qualsiasi scuola dell’Italia di oggi.

copertina fumetto Avrei potuto essere io

Nella Giornata della Memoria, dopo aver ascoltato la testimonianza di quella che per loro è solo una sconosciuta, la senatrice Liliana Segre, vengono stimolati dal proprio insegnante a confrontarsi con quanto accaduto alle vittime della follia nazifascista, che il mondo odierno, così complesso, pieno di conflitti e di preoccupante indifferenza, sembra talvolta aver dimenticato. Il 27 la consegna del libricino agli studenti, purtroppo assente l’autrice: «Collaboro da tempo con l’Anpi di Jesi – ci ha spiegato Chiara Bergantino, docente presso la media “Lorenzini” e coordinatrice del progetto per la scuola cittadina – ed in passato ho portato gli studenti a visitare il Treno della Memoria in Ancona. Così, quando l’amica Mabel Morri, che apprezzo particolarmente come artista, mi ha segnalato questa iniziativa, ho deciso di proporla ai ragazzi delle terze. Ho ritenuto, infatti, molto intelligente l’uso del fumetto, per stimolarne l’interesse ad approfondire temi così importanti, e sempre attuali, ma anche difficili». Il fumetto, si legge nella presentazione firmata dal presidente dell’Anpi di Senigallia, Leonardo Giacomini, è «per farvi prendere coscienza di cosa è accaduto tanti anni fa affinché non accada più. Leggetelo. Fatelo leggere in famiglia. Parlatene. Comprendetene la storia».

di Marco Torcoletti 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.