Tabano, residenti denunciano: «Distrutte da un’auto le lapidi del Monumento ai Caduti» - Password Magazine

Tabano, residenti denunciano: «Distrutte da un’auto le lapidi del Monumento ai Caduti»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Con l’auto hanno urtato le lapidi del Monumento ai Caduti della Prima Guerra Mondiale, mandandole in frantumi. Poi si sono allontanati». Sono indigniti i residenti del quartiere che gravita intorno la Chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta di Tabano per «l’ennesimo atto vandalico che si verifica in quel piazzale». E’ successo tutto nel pomeriggio di ieri, intorno alle 17.30: «Abbiamo visto dei ragazzi che si divertivano nel parcheggio antistante la chiesa  – racconta un residente -. A un certo punto, con l’auto sono andati a sbattere contro il monumento distruggendo le lapidi con i nomi dei Caduti. Noi residenti ce ne siamo accorti e siamo usciti nel piazzale, illuminando con la torcia la targa della macchina. A quel punto i ragazzi non potevano più scappare, così sono scesi dal mezzo. ‘I miei amici hanno tirato il freno a mano‘, ha tentato di giustificarsi il conducente, chiedendo se doveva risarcirci. Noi abbiamo risposto che il bene danneggiato è pubblico e pertanto doveva rivolgersi alla Polizia locale per denunciare l’accaduto. Allora il ragazzo alla guida ha riferito che sarebbe andato al Comando il giorno seguente. Noi abbiamo insistito per chiamare subito e siamo rientrati in casa a recuperare un telefono. Quando siamo tornati però i ragazzi erano già andati via. A quel punto abbiamo sporto denuncia alla Polizia locale. A meno che non si siano presentati loro oggi spontaneamente, siamo certi che dalla targa saranno comunque rintracciati».

Più volte gli abitanti della zona hanno denunciato atti vandalici in quel piazzale con vasi e fioriere rotti, citofoni dati a fuoco, invasione nei cortili privati: «Noi residenti siamo davvero stanchi di subire danni, la situazione sta diventando pesante».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.