Tiziana Ferrario a Jesi per parlare di donne e parità dei diritti: «Siate unite» | | Password Magazine

Tiziana Ferrario a Jesi per parlare di donne e parità dei diritti: «Siate unite»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Donne siate unite, perché da sole non si può combattere. Superate le differenze, e migliorerete così la condizione del nostro Paese, della nostra società. E cercate degli alleati negli uomini. Siate ottimiste».

È il monito di Tiziana Ferrario, in occasione della presentazione del suo libro a Palazzo dei Convegni di Jesi.

La giornalista, inviata e conduttrice Rai, negli ultimi anni ha vissuto come corrispondente a New York seguendo il passaggio dalla presidenza Obama a quella Trump. Nel suo libro “Orgoglio e pregiudizi- il risveglio delle donne ai tempi di Trump”, racconta le tensioni e le divisioni crescenti nel paese. Ciò che l’ha spinta a scrivere questo libro, racconta, è stata la ventata di orgoglio emersa tra le donne americane che hanno rialzato la testa chiedendo parità e difesa dei loro diritti, dal giorno successivo all’insediamento di Donald Trump alla Casa Bianca.

Dopo i preliminari saluti e ringraziamenti da parte di Francesca Pentericci, presidente FIDAPA BPW ITALIA-sezione di Jesi, organizzatrice dell’evento, ci sono stati gli interventi dell’Assessore Maria Luisa Quaglieri e di Pina Ferraro Fazio, consigliera di Parità Effettiva per la provincia di Ancona, la quale ha affermato che esiste un leggero ‘arretramento’ in tema di diritti.

Proprio quest’affermazione è stata l’occasione per parlare di quello che Tiziana Ferrario ha definito “valanga rosa”: con questo termine descrive il fervore e l’entità del movimento di protesta delle donne in America per la difesa dei propri diritti.

Un confronto, quello della Ferrario, con le giornaliste Catiuscia Ceccarelli e Chiara Cascio in vesti di moderatrici, che ha toccato diversi temi: non solo la disparità di sesso e di salario in ambito lavorativo, ma anche il tema dell’educazione che parte da entrambe le figure genitoriali, per abbattere ogni tipo di stereotipo o pregiudizio. E ancora, le testimonianze di donne determinate, più o meno famose, che hanno avuto il coraggio di denunciare i soprusi e le molestie subite, soprattutto ricordando i recenti scandali di Hollywood, denunciati anche nel cinema italiano. E ancora, la citazione dei movimenti di protesta quali “Me Too” in America, e “Non una di Meno” in Italia.

Un racconto dell’America di Trump da rapportare e da imitare anche nel nostro Paese, che necessita di donne forti unite innanzitutto tra loro.

L’evento si è concluso con la donazione di un riconoscimento particolare a Tiziana Ferrario da parte di FIDAPA, nel fragore degli applausi di un pubblico numeroso e interessato.

 

A cura di Giovanna Borrelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.