Tradizioni moiarole a tavola nel giorno di Natale | | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Tradizioni moiarole a tavola nel giorno di Natale

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MOIE – Natale era davvero una festività dove il pranzo era avvertito come qualcosa di speciale, e degno di memoria tra le ricorrenze dell’anno. I cittadini di Moie erano soliti apparecchiare con cura la tovaglia di cotone o di lino che era rigorosamente bianca, i piatti di porcellana, le posate di ottone lucidate in maniera accurata con la cenere.

Non tutte le famiglie potevano permetterselo, alcune erano talmente povere da disporre di un solo bicchiere per tutti. Il banchetto del 25 di Dicembre prevedeva il cappone natalizio, ma anche il tacchino. Il lesso di tacchina, era accompagnato con le erbe di campo e spesso era anticipato dalla minestra natalizia di stracciatella o quadrellini, raramente i cappelletti. Nella memoria dei moiaroli si rammenta per quanto riguarda il secondo piatto il cappone, lesso ma anche arrosto, cucinato alla griglia sull’arola del camino, poi la tradizionale parmigiana di gobbi. La storica e compianta  ristoratrice Jolanda ricordava la presenza tradizionale sia della tacchina bollita e arrosto o del cappone bollito; tra i secondi piatti natalizi la Signora Jolanda qualche volte rammentava anche il lavoro complesso per la galantina, con ripieni sontuosi ed inediti, comprati appositamente per l’occasione, come prosciutto cotto e mortadella. Per quanto riguarda le minestre natalizie Jolanda ricordava la sfoglia all’uovo sia per i quadrellini  sia per i cappelletti, da servire ugualmente in brodo. Il brodo era ottenuto con pezzi di carne scelta ed assortita, e poi sedano, carote e cipolla, ed a metà cottura ci si aggiungeva un po’ di pomodoro, fresco oppure pelati o conserva, per dargli quel sapore speciale. Jolanda sottolineava il ripieno fatto con tante carni assortite, vaccina e maiale e gli aromi di noce moscata e scorza di limone.

La signora Ersilia per il pranzo di Natale si concedeva i cappelletti, con un ripieno di prosciutto, formaggio, uova per legare e pangrattato che aumentava la consistenza e dopo questa minestra in brodo la pietanza di carne lessa era il tacchino di casa, mentre come contorno ci potevano essere gli spinaci bolliti, ma anche i sedani ed i finocchi crudi. Il dolce delle feste era solitamente il ciambellone, che era la conclusione anche del pranzo di Natale.

Racconti tratti dal libro Memorie di cucina a Moie

Testimonianze, ricordi di feste e tradizioni a tavola

Daniele Guerro- Tommaso Lucchetti

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.