Università Adulti Media Vallesina, al via il primo corso di lingua cinese | Password Magazine
Festival Pergolesi

Università Adulti Media Vallesina, al via il primo corso di lingua cinese

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MOIE – L’Università degli adulti della Media Vallesina, l’istituzione voluta otto anni fa dall’Unione dei Comuni e gestita da un’associazione presieduta da Letizia Saturni, ha attivato per la prima volta un corso di lingua cinese. Una novità assoluta fra gli atenei della terza età della provincia, e forse anche della regione. Un segno di apertura e di capacità di cogliere i cambiamenti sociali e culturali per l’Università dell’Unione, che negli ultimi anni ha già attivato laboratori linguistici per l’insegnamento dell’inglese, del francese, del tedesco, dello spagnolo e dell’arabo. Da quest’anno, alla già ricca offerta didattica, si aggiunge il cinese.

La prima lezione si è tenuta mercoledì scorso ed è stata subito un successo per le tante adesioni. Si andrà avanti per dieci settimane, sempre di mercoledì, alle ore 21, nella sede del Centro comunale 6001 di Moie.

La docente del corso Laura Sortino, laureata all’Università di studi orientali della Sapienza di Roma, interprete e mediatrice linguistica presso l’ospedale di Jesi, ha incoraggiato gli allievi spiegando loro come “il cinese sia una lingua difficile, è vero, ma si impara come le altre”. Ai venti alunni presenti all’appello sono stati forniti testi e quaderni a quadri da 1 centimetro, dove hanno iniziato a trascrivere i primi ideogrammi disegnati dall’insegnante alla lavagna.

Le motivazioni che hanno portato gli iscritti dell’Università a seguire il corso di cinese sono le più diverse: c’è la signora che ha una figlia trasferitasi da otto anni a Shangai, e che vorrebbe conoscere qualche parola in più quando va a trovarla nella sua sede di lavoro, c’è l’altra che parla di “una novità troppo intrigante per lasciarsela sfuggire”, c’è il 40enne che ci vede “una necessità della globalizzazione”, chi è stato spinto non solo dalla curiosità ma anche dalla “volontà di accogliere e poter avere uno scambio con chi viene da lontano ma ormai è presente in numero sempre maggiore anche nelle nostre piccole comunità”, e c’è chi, alla soglia dei 90 anni, come Alberto, il decano degli iscritti, confessa di “avere imparato tanto nella vita, ma il cinese ancora no”.

“L’iniziativa è nata – spiega la presidente dell’Università Letizia Saturni – da un accordarsi di intenti, fra docente che ha proposto l’idea e iscritti che l’hanno avallata. Siamo molto contenti: significa che c’è voglia di novità e disponibilità ad aprirsi all’esterno. Siamo anche curiosi di vedere come si svilupperà questa esperienza, segno dei tempi e nata dal territorio, ed è per questo che abbiamo ritenuto giusto supportarla”.

Intanto, le attività dell’Università proseguono con l’apertura, oltre a quello di lingua cinese, di parecchi altri corsi. A gennaio sono partiti quelli di “Psicologia e attualità”, tecniche decorative, scrittura creativa, a cura di Alessandro Morbidelli, jazz, “Officina farmaceutica” e perfino di Meteorologia. Il corso, inserito nella tematica dell’impatto socio-economico delle scoperte di fine Ottocento, è tenuto da Fernando Santacroce e inizierà lunedì 20 gennaio alle ore 17,30.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.