Astralmusic

Vaccini, autocertificazione anche nelle scuole jesine?

Astralmusic

JESI – Paese diviso in due sul tema delle vaccinazioni obbligatorie per la frequenza scuola. Da un lato il ministro della Salute, Giulia Grillo, conferma che l’autocertificazione da parte dei genitori dell’avvenuta vaccinazione dei figli sarà valida per la frequenza del prossimo anno scolastico 2018-19. Dall’altra, presidi medici e pediatri contestano tale indicazione, contenuta nella circolare Salute-Istruzione dello scorso luglio: “La circolare non ha efficacia – sostengono – poiché l’autocertificazione non è utilizzabile in campo sanitario”.

Cosa accadrà a settembre dunque nelle scuole jesine? Sul tema dei vaccini, abbiamo interpellato l’assessore alla Sanità Marialuisa Quaglieri: «Vaccinarsi è importante. L’Amministrazione resta di questa idea e di certo non rinnega il passato né la valenza scientifica dei dati: ricordiamo che recentemente è stata approvata anche la mozione “Un vaccino da ricordare” dei consiglieri Elezi-Baleani che impegna l’Amministrazione ad informare, far conoscere e approfondire aspetti legati alla tematica. Per quanto riguarda le scuole, attendiamo le disposizioni in materia dalla Regione». 

Qualche giorno fa, intanto, il consigliere delegato per la sanità della regione Marche Fabrizio Volpini ha fatto sapere di aver depositato una proposta di legge a firma propria, di altri consiglieri di maggioranza e del presidente Mastrovincenzo per il mantenimento dell’obbligo dei vaccini in tutta la regione, per le scuole dell’infanzia a partire da quest’anno, come ancora oggi prevede la legge nazionale: «Proprio quest’anno, grazie all’obbligo introdotto lo scorso anno, la copertura dei vaccini su tutto il territorio regionale è arrivata quasi al livello di salvaguardia – afferma Volpini – Manca pochissimo per arrivare alla copertura prevista dal piano nazionale e non possiamo permetterci di abbassare la guardia, la salute dei bambini è più importante delle ideologie politiche». Volpini chiederà la convocazione al più presto di una conferenza dei capigruppo per calendarizzare la proposta di legge per la prima seduta del consiglio regionale il prossimo 4 settembre: «Per difendere la salute dei bambini non vogliamo interrompere questo processo virtuoso di aumento delle coperture vaccinali, l’unica strada per impedire la circolazione di virus e batteri in modo da proteggere i bambini che o troppo piccolo o per seri problemi di salute non possono vaccinarsi». 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*