Virus, il Carlo Urbani è allo stremo. Il sindaco Bacci: «Così si rischia il collasso». | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Virus, il Carlo Urbani è allo stremo. Il sindaco Bacci: «Così si rischia il collasso».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Il Carlo Urbani è allo stremo delle forze, servono aiuti». Il grido d’aiuto arriva dal sindaco Massimo Bacci, dopo aver appreso dagli operatori della sanità la situazione in corso all’ospedale cittadino, attualmente ricovero per 117 pazienti affetti da Covid-19, provenienti non solo dalla Vallesina ma anche dal pesarese e da altre zone della regione. «Lo sforzo e l’impegno del personale sanitario durano ormai da settimane – fa sapere il sindaco in un video -. Oggi mi è giunto direttamente tramite lettera da parte di medici e infermieri un grido d’aiuto: sono allo stremo, hanno bisogno di personale aggiuntivo, di presidi ospedalieri, di macchinari per la terapia intensiva e medicinali».

«Chiedo ai responsabili dell’Asur, al presidente della Regione e all’assessore alla sanità di tener conto di questo grido d’allarme, di trovare quanto necessita agli operatori del nostro ospedale o in alternativa di ridurre il carico del Carlo Urbani perché credo che a breve si arriverà al collasso. Questo non deve accadere».

Intanto fa sapere che grazie alla raccolta fondi dell’associazione Vallesina Aiuta Onlus è stato disposto l’acquisto di un tomografo polmonare da destinare alla terapia intensiva di Jesi: «La cifra raccolta è stata superiore al costo del macchinario – aggiunge il sindaco -. Il resto della somma sarà investito per l’acquisto di dispositivi sanitari che serviranno agli operatori del Carlo Urbani e del sociale, in particolare a coloro che sono a supporto dei più fragili. Grazie ai cittadini e a coloro che hanno voluto contribuire e alla presidente Elisa Di Francisca che ha voluto dare lei stessa un contributo».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.