Affari via telefonino, pusher incastrato dalla chat su WhatsApp | Password Magazine

Affari via telefonino, pusher incastrato dalla chat su WhatsApp

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – Gli Agenti delle Volanti, diretti dal V.Q.A. Cinzia Nicolini, unitamente ai colleghi Cinofili hanno setacciato il territorio anconetano con controlli a “scacchiera” contrastando ogni forma di illegalità, soprattutto nei confronti dei reati predatori, spaccio e consumo di sostanze stupefacenti, immigrazione irregolare, ponendo anche particolare attenzione alla vivibilità di alcune zone della città, stazioni ferroviarie, giardini e parchi pubblici.

Sotto osservazione alcuni locali pubblici della zona del quartiere Piano San Lazzaro ed in particolare di P.zza U. Bssi ove sono stati controllati numerosi avventori tra i quali persone dedite al consumo di sostanze stupefacenti e all’abuso di sostanze alcoliche.

Inoltre ieri pomeriggio, intorno alle 16.00, in P.le Loreto gli Agenti delle Volanti procedevano al controllo di tre soggetti che camminavano a piedi e che, alla vista della Polizia, cambiavano improvvisamente direzione di marcia fino a mettersi a correre in direzione di via Jesi. Gli Agenti, scesi dall’autovettura di servizio, si ponevano quindi al loro inseguimento che terminava di lì a poco. Subito controllati emergeva chiaramente che i tre si erano incontrati per un acquisto di droga; infatti uno di loro, un anconetano di 19 anni, veniva trovato in possesso di un involucro contenente 40 grammi circa di hashish mentre i due acquirenti venivano trovati in possesso di circa 1 grammo della stessa sostanza che avevano appena acquistato a seguito di un appuntamento presso con WhatsApp.

Ed è stato proprio il telefonino in possesso del diciannovenne ad inchiodarlo. Infatti gli Agenti lo sequestravano in quanto vi erano, tra le altre, le conversazioni tra i due acquirenti e lo spacciatore del tipo ..ci vediamo alle 4…portane due per noi..mi raccomando quella buona ecc…

Il diciannovenne, incensurato, veniva deferito all’A.G. per il reato si spaccio di sostanze stupefacenti; gli altri due giovani, anch’essi maggiorenni, venivano deferiti quali consumatori di droghe alla competente autorità amministrativa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.