Ancona, bar e ristoranti del porto solo per viaggiatori: l'ordinanza del sindaco | Password Magazine

Ancona, bar e ristoranti del porto solo per viaggiatori: l’ordinanza del sindaco

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – Il sindaco di Ancona Valeria Mancinelli ha firmato un’ordinanza che vieta a partire da domani (23 febbraio) e sino alla conclusione dello stato di emergenza, la fruizione degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande situati in area portuale, che saranno riservati esclusivamente ai viaggiatori muniti di titolo di viaggio nelle sole giornate di imbarco e di sbarco.

«Il provvedimento si è reso necessario in quanto gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande dislocati in area portuale sono di fatto frequentati principalmente da avventori che non usufruiscono dei servizi portuali – spiega la Mancinelli -. Il Ministero della Sanità prevede infatti che servizi in aree portuali, aeroportuali e dell’interporto siano aperti in deroga agli orari e alle regole che valgono invece per le attività in città. Questo ha fatto sì che al porto, così vicino al centro, si siano riversate molte persone per usufruire di ristoranti e pubblici esercizi, pur non essendo viaggiatori» .

Da qui il verificarsi di  assembramenti sia durante il giorno, sia soprattutto nelle ore serali, quando gli altri esercizi cittadini (egualmente situati in centro cittadino, ma anche in tutte le altre parti del territorio comunale anconetano) devono osservare per norma la chiusura.

Con l’ordinanza sindacale, da domani i fruitori degli esercizi di alimenti e bevande  dovranno esibire, dove richiesto,  il titolo di viaggio o documento equivalente alla Polizia Locale e alle Forze di Polizia.

«Questa cosa non poteva continuare: da settimane sottoponiamo il problema al Ministero e alla Regione Marche, tentando ogni forma di cooperazione istituzionale ma, ad oggi, nulla s’è mosso – spiega la Mancinelli in un video pubblicato sui social -. Per questo, in attesa degli interventi sollecitati ho firmato io stessa un’ordinanza che in via d’urgenza e suppletiva vieta la possibilità di utilizzare quelle norme in deroga e prescrive che quelle modalità di funzionamento siano riservate a chi è titolare di un titolo di viaggio. Tutti i cittadini di Ancona e non solo che non devono imbarcarsi non possono andare al bar, ristorante, pizzeria se non con le stesse regole che valgono per la stessa zona della città»

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.