Centrale BIOGAS, la risposta all'articolo uscito su Password | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Centrale BIOGAS, la risposta all'articolo uscito su Password

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

In riferimento all’articolo uscito su Password del Comune di Castelbellino, anche il Comitato Tutela Salute e Ambiente Vallesina ci ha voluto inviare il suo comunicato sulla questione della centrale BIOGAS che pubblichiamo qui di seguito:

“Il 20 febbraio scorso si è svolto alla presenza di una folla di cittadini tale da non esser contenuta nell’aula consiliare di Castelbellino, il Consiglio Comunale sull’ordine del giorno presentato, ci risulta, dal consigliere Massimo Costarelli, relativo  alle centrali a biomasse/biogas.

Il Consiglio si è svolto in maniera alquanto surreale.
L’amministrazione ed il consiglio comunale hanno preliminarmente impedito, con proprio voto a maggioranza e con motivazioni mai sentite prima, le riprese audio/video del Consiglio da parte dei molteplici richiedenti (!).

Dopodichè, preso atto della folla presente, il consiglio, trincerato dietro l’impossibilità di qualsiasi intervento dalla platea, anziché anticipare la sentita questione “centrale a biomasse”, si è lanciato nell’analisi di tutti gli altri punti all’ordine del giorno, prolungando la durata del dibattito, con artificiosità verbali degne di ben altri luoghi, fin verso le 22.45. Dopo questo brillante esempio di “ostruzionismo parlamentare de noaltri” in cui si è particolarmente distinto l’assessore Amburgo, che ha ripercorso le fondamentali vicende degli oneri di urbanizzazione a livello nazionale e locale fin dal lontano 1977, il consiglio è infine approdato alla spinosa discussione sull’ ordine del giorno presentato relativo al Biogas.

Ribadendo il sindaco l’impossibilità per il pubblico di qualsiasi intervento, i cittadini presenti hanno potuto pienamente apprezzare il livello della discussione di questo consiglio. Occorre premettere che l’ordine del giorno era stato pubblicato qualche giorno prima sulla bacheca comunale solo sotto forma di titolo. Ci risulta che ad un cittadino recatosi a richiederne il contenuto nei giorni precedenti, sia stato negato l’accesso a tale documento. (!!)

In relazione al procedimento autorizzativo in itinere per la centrale a Biogas di Scorcelletti-Pantiere, l’OdG presentato dall’Amministrazione si è rivelato essere di fatto poco più della classica foglia di fico politica  del “vorrei ma non posso” in cui un’amministrazione, a parole contraria all’impianto, dopo aver esaltato le “meravigliose” sorti progressive del biogas, si è lanciata in un poco efficace ed artificioso tentativo di scaricare sulle autorità regionali e addirittura nazionali l’onere di cambiare o completare il quadro normativo, con tempi e modi ovviamente tutt’ altro che definiti. Dopo tante parole, di concrete e reali misure per bloccare davvero l’ impianto in autorizzazione, sostanzialmente, neanche l’ombra.

A tale Ordine del Giorno dell’ Amministrazione, al quale riteniamo non sia stata data neanche preliminarmente una adeguata visibilità sulla stampa e sui mezzi di diffusione di massa di parte di coloro che l’avevano presentato, il Comitato ha risposto proponendo a tutti i Consiglieri Comunali un emendamento per introdurre delle prescrizioni sostanziali a garanzia dei cittadini, necessarie per fermare gli impianti attualmente proposti. In tal senso, si è costruita una proposta basata volutamente su delibere di comuni dove tali impianti sono stati fermati, con richiami estesi e puntuali alle normative di riferimento (da qui la necessaria specifica sugli impianti idroelettrici, incredibilmente e inaccettabilmente derisa dagli amministratori). Una proposta resa immediatamente pubblica on line dal Comitato e scaricabile clickando qui.

Il problema principale del sindaco Papadopulos, del vicesindaco Cesaroni e dell’assessore all’ambiente Basili ci è sembrato essere quello di richiamare una presunta parzialità politica del comitato e ventilare, in maniera piuttosto pesante, la possibilità di azioni legali contro le decine e decine di cittadini firmatari delle Lettere di Invito/Diffida raccolte finora, apparentemente ignorando che le stesse non sono altro che uno strumento di tutela giuridica espressamente previsto dal nostro ordinamento. Non contenti del clima pesantissimo creato nei confronti dei cittadini presenti, il sindaco si è lanciato nell’ennesimo tentativo di screditare il ragionatore anziché il ragionamento. Una manovra che ci è ormai ben nota, che riteniamo piuttosto inutile e che abbiamo già visto in passato spesso utilizzata ogni qualvolta non si hanno argomenti per rispondere nel merito delle questioni.

A questo punto, visti i continui attacchi ricevuti, il Presidente Gambini ha ritenuto di dover rompere il velo vergognoso dell’obbligo del silenzio dalla platea, data la perdita di ogni bon ton politico da parte dei rappresentanti istituzionali del comune di Castelbellino, per ricordare ai presenti che lui è primo firmatario delle lettere di invito/diffida e Presidente del Comitato e per chiedere anche a gran voce all’Amministrazione un forum tecnico/confronto pubblico fra tutte le parti ed i cittadini, in cui avviare un dibattito che sostituisca lo sterile monologo fin qui messo in piedi.

Una soluzione ben più democratica e utile, piuttosto delle parole pesantissime da parte di amministratori eletti, deputati a difendere i cittadini e non ad attaccarli.

Il sindaco, ha prontamente sospeso il consiglio che, ripreso poco dopo, ha approvato l’ordine del giorno presentato dalla maggioranza cassando l’emendamento proposto dal Comitato e fatto proprio dal Consigliere Cappanera.

Di tutta la serata, gli unici due ulteriori interventi di cui riteniamo valga la pena dare memoria sono quello del Consigliere Stefano Santarelli, che ha cautamente ventilato dubbi sull’opportunità ambientale di un impianto di tale tipo accanto alla pista ciclabile, e quello del Consigliere Agnese Santarelli che, dopo aver ribadito la piena condivisione dell’operato, anche amministrativo, da parte della giunta e dei tecnici comunali, ha però sottolineato la presenza di alcune criticità relativamente ai contributi europei gestiti dalla Regione per la costruzione degli impianti di energie rinnovabili.

Dubbi che, già noti al Comitato (il quale si riserva possibili azioni anche in quella direzione), sono apparsi conosciuti persino dallo stesso assessore all’ambiente.

Al sindaco Papadopulos che dichiarava di non aver notizia del deposito delle lettere di Invito/Diffida, il Comitato ricorda che egli era presente quando in Conferenza dei Servizi in Regione il giorno 17 gennaio 2012 le stesse sono state depositate.

Il Comitato, in tempi brevissimi organizzerà un’assemblea pubblica per illustrare, atti alla mano, gli accadimenti di questo inaggettivabile consiglio comunale e per indicare le prossime azioni necessarie ai cittadini per continuare la battaglia a tutela dei propri diritti.

A nostro parere, la  pur spiacevole serata, ha  almeno consentito un chiarimento importante per i cittadini: rispetto alla centrale a bioagas in autorizzazione, l’Amministrazione, più di un  “vorrei ma non posso”, pare abbia scelto una posizione decisamente più vicina a quella, pur legittima, di un  “potrei ma non voglio”.”  Per il Comitato per la Tutela della Salute e dell’Ambiente della Vallesina Il Presidente Marco Gambini-Rossano.

 


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.