Centri sociali in rivolta per la Fiaccolata Lega Nord, città sotto assedio | Password Magazine

Centri sociali in rivolta per la Fiaccolata della Lega Nord, città sotto assedio

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI  – Doveva essere una fiaccolata di sensibilizzazione e protesta contro i provvedimenti “svuota carcere”, un grido di allarme e preoccupazione di cittadini che marciavano per la sicurezza, chiedendo la certezza della pena: la manifestazione, organizzata dalla Lega Nord di Jesi, si è trasformata invece in occasione d’assedio per mano dei centri sociali, culminato in piazza della Repubblica. A far la voce grossa gli attivisti di Sca TNT, Ya Basta Marche e Polisportiva Ackapawa che hanno organizzato un presidio di protesta contro i leghisti.

Tutto è iniziato intorno le 18.00 quando, nonostante la pioggia, da Porta Valle parte la fiaccolata. Il gruppo – circa 30 persone guidate dalla coordinatrice cittadina Lega Nord Silvia Gregori e dal segretario provinciale Lega Nord nonché consigliere regionale Sandro Zaffiri – dopo aver attraversato via Setificio, si è poi diretto verso gli Orti Pace. Qui, ad attenderlo, circa un centinaio di attivisti di estrema sinistra che con cori e slogan di protesta hanno iniziato il loro assedio: “Spegniamo la Lega, spegniamo il razzismo”, urlavano. E non solo: sono volate uova e palloncini d’acqua. Anche la stessa Gregori è stata colpita. Fortunatamente, le Forze dell’Ordine – una cordata di sicurezza composta da pattuglie di Carabinieri e Polizia, con tanto di squadra antisommossa – hanno evitato che le due fazioni entrassero brutalmente in contatto. Per scongiurare ogni pericolo, sul posto sono intervenuti anche vigili del fuoco e ambulanza. Risalendo lungo via Garibaldi, la fiaccolata è proseguita fino in piazza della Repubblica: ma da sotto l’Arco del Magistrato ecco spuntare di nuovo il numeroso gruppo dei centri sociali, diretto anche questo verso la piazza ma prontamente bloccato dagli agenti antisommossa.

E mentre i manifestanti della Lega intonavano cori per chiedere certezza della pena e mandare i ladri in galera, dall’altro lato volavano parole come “Buffoni, razzisti”.

“In un territorio sempre più preso d’assedio da ladri e azioni criminose, siamo qui per lottare contro il decreto svuota carceri e contro la depenalizzazioni dei reati – commentano i vertici della fiaccolata Zaffiri e Gregori  – Non basta prendere i criminali, occorre anche tenerli dentro. Vogliamo la certezza della pena”. E a chi li accusa di razzismo, ricordano: “Nulla da dire a chi si integra e a chi non è clandestino: tutti gli altri vanno aiutati nei loro paesi d’origine. Loro sono in molti ma noi continueremo la nostra battaglia in nome della democrazia: queste manifestazioni indicano che temono la nostra forza, la nostra crescita”.

 Di tutt’altra opinione sono i centri sociali: “Rabbrividiamo perché sapere che certi elementi sfilano indisturbati per Jesi non ci fa sentire al sicuro: viene lasciata tale agibilità politica a persone con idee di matrice chiaramente neofascista. Vediamo un’ombra oscura calare sulla nostra città e non abbiamo intenzione di chiudere gli occhi. Jesi è una città che accoglie: ecco perché oggi siamo anche noi per le strade della città, per cercare di spegnere le fiaccole dell’odio e del razzismo”.

La protesta è proseguita fino alle 20: sconcertato il pubblico del Teatro Pergolesi che, uscendo al termine dello spettacolo, trovava una piazza in stato d’assedio. Conclusosi il presidio leghista, anche gli attivisti avversarsi hanno sciolto le righe: “Oggi ha vinto la Jesi antifascista e della democrazia!” ha urlato una donna al megafono. E sulla parola democrazia, è calato il sipario.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.