Cinema, prosegue il tour marchigiano del film "Se Chiudo gli Occhi non sono più qui" | | Password Magazine

Cinema, prosegue il tour marchigiano del film “Se Chiudo gli Occhi non sono più qui”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

SENIGALLIA –  Il cinema Gabbiano di Senigallia, nell’ambito della rassegna Mercoledì d’Essai, ha ospitato mercoledì sera la proiezione del film drammatico “Se Chiudo gli occhi non sono più qui” del regista Vittorio Moroni. Una pellicola coraggiosa, il ritratto delicato e doloroso di un 16enne (Kiko, interpretato dal giovanissimo Mark Manaloto) costretto a crescere in fretta, per lo status sociale della sua famiglia, per le condizioni economiche e per le proprie origini filippine. Presenti alla proiezione e accolti da un folto pubblico, il regista Vittorio Moroni e l’attrice italo-filippina Hazel Morillo, residente ad Ancona, che nella pellicola interpreta Marilou, la madre del piccolo giovane protagonista.

Il film, reduce da un ottimo successo al Festival del Cinema di Roma, viene proiettato in tutta la regione in un tour culturale con cui il regista e gli attori si interfacciano anche con gli studenti. Perché il cinema è anche insegnamento e in questo suo film Moroni tocca tematiche delicate e di stretta attualità come  l’integrazione degli adolescenti di seconda generazione, lo sfruttamento dell’immigrazione clandestina, l’importanza della cultura e quindi della lotta alla dispersione scolastica. E lo fa con sguardo disincantato che lascia comunque spazio alla speranza. “Sono affascinato dagli adolescenti stranieri di seconda generazione – spiega il regista – dai loro problemi, come dai loro grandi sogni fatti di un pesante fardello familiare”. Kiko (il giovane Mark Manaloto) è adolescente sul viso ma adulto dentro. Dopo la morte del padre in un incidente, abita insieme alla madre filippina (Marilou-Hazel Morillo) nella periferia friulana. Con loro, vive anche il nuovo compagno della madre, Ennio (Beppe Fiorello) un caporale e persona discutibile che gestisce manodopera clandestina. E vorrebbe che il ragazzino lavorasse con lui. Un giorno Kiko incontra Ettore (Giorgio Colangeli), un insegnante in pensione che gli dice di essere un vecchio amico del padre e che lo vuole aiutare. E’ il maestro, il mentore che tira fuori le passioni innate del piccolo per l’astronomia, la filosofia, la poesia di Leopardi. “Non importa che ci sia un mentore – dice ancora il regista – l’importante è credere in un grande sogno”. Appassionata e commossa è anche Hazel Morillo. “Sento veramente mio questo film – racconta l’attrice – e sono emozionatissima di poter condividere con voi questa esperienza. Marilou, il mio personaggio, mi somiglia molto perché come me è una donna forte, una madre forte che combatte con le sue fragilità”. Circondata dai suoi familiari, dal manager Luigi Celli (che si è detto “entusiasta della freschezza di questa ragazza, una persona umile e bella che potrà disegnare ruoli interessanti nel cinema italiano”), Hazel Morillo si è presentata alla proiezione fasciata in un delizioso abito griffato Giuseppe Filloramo. “A lui ho affidato il mio look in eventi importanti come questo” dice Hazel, mentre lo stesso stilista sottolinea come questo particolare abito della sua collezione ‘Flowers’ sembri “disegnato per esaltare  le forme aggraziate di Hazel e farne apprezzare ancora di più la bellezza”.

Il film è stato anche proiettato all’Istituto Panzini di Senigallia, di fronte a 800 studenti tra la commozione dell’attrice che proviene proprio da quella scuola. “Se chiudo gli occhi non sono più qui” continua il suo tour marchigiano e farà tappa stasera alle 21,15 al cinema Solaris di Pesaro. Dopodiché il regista partirà per la Sicilia dove andrà a promuovere il film, mentre Hazel sarà impegnata in un nuovo progetto di cui preferisce per scaramanzia non svelare nulla. Torneranno nelle Marche per un secondo tour promozionale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.