Ente Palio: tutti matti per quel vin brulè preparato seguendo antiche ricette | Password Magazine
Festival Pergolesi

Ente Palio: tutti matti per quel vin brulè preparato seguendo antiche ricette

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Da sei anni, la piccola casetta di legno dell’Ente Palio San Floriano, è presente nel mese di dicembre presso il centro storico di Jesi per riscaldare e rallegrare i freddi pomeriggi natalizi degli jesini. Visciola, dolci e castagne si sono alternati ogni anno, ma c’è un prodotto che non è mai mancato ed è risultato sempre richiesto dalle varie persone presenti per fare shopping o per godersi l’atmosfera natalizia: il vin brulè. Ed i complimenti, dedicati al prodotto, si moltiplicano di anno in anno.

Ma non si tratta di un vin brulè qualsiasi, l’associazione di rievocazione storica produce una bevanda che va letteralmente a ruba grazie alla sua straordinaria qualità, degna di ben altro soggetto rispetto ad un gruppo di volontariato. Diversi sono stati infatti i complimenti ricevuti dai clienti, alcuni ristoratori, come molti sono stati i post sui social pronti a celebrare le qualità prodotto.

Oltre 300 bicchieri venduti nella sola giornata di ieri, domenica 16 dicembre, fanno del vin brulè di ispirazione medievale il prodotto da bere più ricercato a Natale della città di Federico II.

Abbiamo chiesto ai ragazzi della casetta, volontari dell’associazione che vanno dai 14 ai 90 anni, quale fosse il segreto di quel mix di ingredienti. “Uno chef di Morro D’Alba ci ha aiutati durante i primi due anni a preparare il prodotto” risponde il Presidente dell’associazione Santoni. “La ricetta è quella tipica marchigiana, tradizionale, ma parte del segreto sta nella qualità degli ingredienti. Vino rosso da una nota cantina locale, zucchero bianco, cointreau (assolutamente bandite le imitazioni), mele e arance fresche di giornata, insieme ad un particolare mix di spezie. Sicuramente parte della qualità derivata dalla sua preparazione al momento, della serie cotto e bevuto, potete letteralmente vedere le mele tagliate pochi minuti prima di ricevere il bicchiere in mano”.
Viene infatti preparato in tempo reale nello spazio dedicato circoscritto da una rete di cannette di bambù retrostante la casetta. Si può veder cuocere il vino in un’apposita pentola, pochi minuti prima della distribuzione in un bicchiere termico (anche questo scelto per conservare la qualità).

Indubbiamente una bevanda tipica del periodo che riscuote successo, servita dall’ultimo soggetto da cui ti aspetteresti questo prodotto così ben preparato. “Per la città la nostra casetta è ormai un tradizionale punto di ritrovo del Natale, utile per bere qualcosa e riscaldarsi prima o dopo lo shopping ” prosegue Santoni “ma per noi è un modo utile sia ad integrare i nuovi soci verso un sistema di vero volontariato, espressione di dono e sacrificio verso un gruppo di amici e verso la città, sia per avere i fondi utili a sostenere le nostre scuole gratuite, junior e senior, di sport medievali, alle quali partecipano ormai oltre cento iscritti”.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.