Foto Candolfi si rinnova: «Mercati virtuali? Noi preferiamo la vera accoglienza» | Password Magazine

Foto Candolfi si rinnova: «Mercati virtuali? Noi preferiamo la vera accoglienza»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Foto Candolfi rinnova e inaugura nuovi spazi. Restyling per il negozio di via del Prato 9  dove l’attività, fondata da Gino Candolfi nel 1976, opera dal 1983. 

Da allora l’attività si è evoluta nel tempo adattandosi sempre all’andamento del mercato e ad oggi offre servizi tradizionali per i privati, come servizi fotografici per esterno o in studio, cerimonie e fotografie familiari e  innovativi per le imprese come foto commerciali, cataloghi, social media marketing e videoriprese anche con l’ausilio di droni, grazie al patentino operatore drone specializzato.

DSC_9447
Lorenzo e Roberta Candolfi con Marco Arlia di Confartigianato Jesi

«Molte industrie della Vallesina – racconta Gino – stanno facendo presentazioni virtuali dei loro prodotti per farli conoscere all’estero in modo veloce e sicuro, un settore che prima non c’era ma che adesso è in crescita costante».

Gino porta un’altra sua testimonianza diretta: «Ultimamente i giovani investono molto su internet e social mentre noi pensiamo che, anche se il digitale è inarrestabile, sia ancora molto importante avere un luogo dove accogliere i propri clienti!». I figli, Lorenzo e Roberta affermano: «Abbiamo investito nel nostro locale rinnovando l’area di accoglienza proprio per fare la differenza rispetto al semplice acquisto freddo e senza contatto dell’online».

Interviene all’inaugurazione dei nuovi spazi il responsabile Confartigianato per il mandamento di Jesi Marco Arlia «Vedere un’azienda storica trasformarsi anche in questa società estremamente veloce fa capire come la mente dell’artigiano sia in continua evoluzione per superare le difficoltà. Il settore del wedding tra l’altro è tra i più colpiti dalla pandemia e quindi il migliore augurio che si possa fare è di ritornare presto alla vita vera dove il lavoro ha il palcoscenico che si merita! Un applauso di ammirazione alla famiglia Candolfi».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.