Furti e scassi mettono a dura prova il territorio, 141 attività artigiane chiuse nel 2015 | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Furti e scassi mettono a dura prova il territorio, 141 attività artigiane chiuse nel 2015

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – La scia di furti e spaccate che sta attraversando Jesi e la Vallesina va fermata. La sicurezza è una priorità assoluta. Inoltre, un territorio percepito come insicuro perde investimenti e attrattività e questo non possiamo permettercelo – dichiara Giuseppe Carancini, segretario Confartigianato Jesi – va segnalato che il sistema economico e produttivo non si è ancora sganciato dalle difficoltà e le criticità emerse negli anni di crisi continuano a ostacolare la ripresa.

Secondo l’elaborazione dell’Ufficio Studi della Confartigianato su base dati Unioncamere-Infocamere, nel 2015 hanno chiuso 141 attività artigiane, un numero superiore alle aperture (125) per un saldo di nati-mortalità aziendale negativo (-16). Situazione di particolare difficoltà per il settore edile che segna un -18, positivi al contrario i servizi alle persone (+7). Nel complesso, rispetto all’anno precedente, le iscrizioni hanno subìto una flessione (a fine 2014 avevano aperto attività 151 imprese artigiane), pressoché stabili le cessazioni.

Si apre di meno, ma si continua a chiudere, sintetizza il segretario Confartigianato Jesi Carancini, una tendenza da invertire e in questo senso anche la sicurezza assume un ruolo importante.

Chi intendesse investire aprendo una impresa rischia di essere frenato da dubbi e ripensamenti perché teme per la sicurezza della propria attività. Chi ha già una attività ed è stato “visitato” nottetempo dai ladri, visite spesso anche ripetute, ne è sfiancato ed economicamente provato. Alcuni in questo difficile contesto di crisi non riescono a recuperare le perdite subìte a causa dei furti e sono costretti alla chiusura.

Questa situazione non può continuare. Dobbiamo garantire al territorio la sicurezza necessaria perché i cittadini possano vivere in serenità e gli imprenditori concentrarsi sulla propria crescita. Intendiamo dare il nostro contributo alla lotta contro la criminalità mettendoci a disposizione delle Forze dell’Ordine per discutere negli appositi tavoli istituzionali strategie al fine della sicurezza pubblica, conclude Giuseppe Carancini, segretario Confartigianato Jesi.

La Confartigianato intende essere al fianco di questo impegno collettivo come “sentinella” presente e vigile sul territorio. Ricorda inoltre a coloro che hanno già predisposto impianti di allarme che possono chiederne il collegamento alle Forze dell’Ordine. Raccomanda comunque agli imprenditori di segnalare eventi, persone, casi sospetti.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.