Fusioni comunali: Sindaci a confronto in CNA | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Fusioni comunali: Sindaci a confronto in CNA

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – Nel territorio della provincia di Ancona ci sono 29 comuni con popolazione residente al di sotto delle 5000 unità. Sono quelli interessati dalla proposta di legge Lodolini sulle fusioni comunali, che cita: “La presente proposta di legge…stabilisce innanzitutto che il limite minimo di abitanti perché possa esistere un comune è fissato nella soglia di 5000 abitanti…trascorsi ventiquattro mesi dalla data di entrata in vigore della legge, le regioni provvederanno con legge alla fusione obbligatoria di tutti i comuni la cui popolazione sia inferiore a 5000 abitanti e che non abbiano già avviato di propria iniziativa procedimenti di fusione”.

Di questo si è parlato nell’incontro promosso dalla Cna provinciale con tutti i sindaci della provincia, alla presenza di Lodolini e dell’assessore regionale Cesetti.

La proposta di legge nasce dall’esigenza di trovare un efficace meccanismo per ridurre l’elevata frammentarietà dei comuni italiani e quindi migliorare, appunto attraverso meccanismi di fusione, la qualità e l’efficacia dei servizi offerti a cittadini e imprese.

Presenti quasi tutti i sindaci dei comuni della provincia, che hanno portato le loro testimonianze, in primis quella di Trecastelli, comune nato proprio dalla fusione di Monterado, Ripe e Castelcolonna.

Pro e contro a confronto: da un lato, il timore di disperdere le identità locali, dall’altro, la consapevolezza di poter ottenere un’ottima economia di scala con grandi risparmi di gestione e aumento della qualità dei servizi offerti.

“Intendevamo favorire un dibattito tra le amministrazioni locali – spiega il presidente provinciale Cna Marco Tiranti – richiamando quanto indicato dal recente ddl governativo su province, città metropolitane e unioni di comuni, per condividere alcune esperienze già in essere con le relative opportunità e criticità correlate, evidenziando anche gli incentivi previsti al rafforzamento di tale modalità aggregativa comunale, che di fatto diviene quella privilegiata per la gestione associata delle funzioni”.

Cna è fermamente convinta che l’accorpamento sia un’opportunità: “La semplificazione – continua Tiranti – può generare nel medio periodo efficientamento, razionalizzazione, opportunità progettuali ed economiche volte ad attenuare l’austerità dei bilanci comunali, per poi condividerne i vantaggi a beneficio delle comunità interessate, con indubbi risvolti anche nel tessuto economico. Valutiamo quindi favorevolmente la volontà politica di imprimere un’accelerazione all’adozione di tale provvedimento, pur con la necessaria gradualità e flessibilità, prevedendo la possibilità a livello regionale, in sede di definizione del patto di stabilità verticale, di introdurre misure idonee e volte a rendere più appetibile tale materia”.

Insomma fusioni sì, senza però penalizzare le piccole identità

Comunicato da: CNA provinciale Ancona

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.