Giornate FAI di Primavera, i palazzi che si potranno visitare a Jesi e Filottrano

"Palazzo Balleani Vecchio", in via Conti - Jesi

JESI – Anche se la bella stagione tarda ancora ad arrivare, puntuale come ogni anno torna l’appuntamento con le Giornate FAI di Primavera: sabato 24 e domenica 25 marzo, in tutta Italia, palazzi della politica solitamente inaccessibili, aree archeologiche, borghi che custodiscono antiche tradizioni, colonie marine abbandonate, luoghi dello sport e della produzione, chiese e monumenti con spazi sorprendenti apriranno le porte ai visitatori per questa 26^ edizione. Un’iniziativa che, dal 1997, ha richiamato 10 milioni di persone nei luoghi da riscoprire di questa straordinaria Italia dal vasto patrimonio culturale, storico ed artistico.

Il gruppo Fai di Jesi e Vallesina consiglia di approfittare di queste due date per visitare nella città di Filottrano il Palazzo Gasparri, già Garampi, già Gentiloni, piano nobile e cantine, e a Jesi Palazzo Battaglia e Palazzo Balleani Vecchio, contigui e inglobati nelle mura cittadine, situati in via Conti, nel cuore della città antica.

La particolarità della dimora storica di Filottrano, di struttura seicentesca, è nel fatto di essere giunta a noi praticamente intatta, in quanto i proprietari per lo più non la abitarono: all’interno sono state restaurate da poco alcune stanze del piano nobile e recuperati  i pavimenti e i decori del primo 800.

Palazzo Battaglia ha origini quattrocentesche e apparteneva alla famiglia Amici, nobiltà di antica data che aveva incarichi politici e della quale molti esponenti, tra il 1400 e il 1500, erano gonfalonieri della città. Contiguo all’edificio v’è il “Balleani Vecchio”: un unico copro poggiante sulla mura, frutto dell’unione delle case dei Balleani di vicolo Fiorenzuola.

I Balleani furono una delle famiglie nobili jesine il cui nome originario era Baligani. Questo palazzo, così austero, ospiterà il nuovo Polo enogastronomico regionale che sarà inaugurato il 28 aprile.

Apprendisti ciceroni a Jesi saranno gli studenti dell’ITCG Cuppari, IIS Galilei e Liceo Artistico Mannucci; a Filottrano gli studenti del Liceo Classico “V. Emanuele II” e del Liceo Scientifico “Da Vinci”.

Da sinistra: Meri Sbaffi, insegnante Cuppari e volontaria FAI; Giulia Accorroni, assessora alla Cultura del Comune di Filottrano insieme all’assessore alla Cultura di Jesi Luca Butini; Daniela Marotti, delegata Scuole; Marta Amata, responsabile Gruppo Fai Jesi e Vallesina

In anteprima, nell’ambito dell’iniziativa “Il FAI incontra il Verdicchio nel suo 50° compleanno” venerdì 23 marzo, alle 19, a un numero limitato di partecipanti, sarà data la possibilità di fare una visita di Palazzo Balleani vecchio con la guida di Meri Sbaffi, che illustrerà gli aspetti storico-artistici dell’edificio, e del direttore dell’Istituto Marchigiano di Tutela Vini, Alberto Mazzoni, che spiegherà il meccanismo su cui si basa questa complessa operazione di politica dell’industria alimentare nella nostra regione. L’incontro si concluderà all’Osteria Santa Lucia con la cucina di Gianni Giacani.

L’elenco completo delle aperture e dettagli al sito www.giornatefai.it o telefonare al numero 02467615366

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*