Giovani | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Giovani

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

“Una legge nata per ribadire  il ruolo centrale dei giovani nella costruzione del futuro, perfettamente in linea con quelle che sono le disposizioni europee”: è il commento dell’assessore alle Politiche giovanili, Serenella Moroder, all’approvazione odierna della Legge sulle Politiche Giovanili. 

“Nasce da un percorso serio e approfondito di concertazione e condivisione non solo con gli enti locali ma anche con le associazioni giovanili del nostro territorio – aggiunge l’assessore –  Tre gli obiettivi del documento: creare occupazione, integrazione e promozione sociale dei giovani; favorire l’istruzione, la formazione e la mobilità; permettere la conciliazione della vita professionale con la vita personale e familiare.

Il principio guida di questa legge è quello di stimolare ed accompagnare, attraverso una partecipazione creativa delle tante realtà territoriali giovanili, l’integrazione e la conoscenza dell’altro come valore ed apporto culturale della nostra società multietnica, contrastando i sempre più frequenti fenomeni di disagio ed emarginazione sociale.

Con questa finalità, il nostro Assessorato pone i giovani stessi al centro del progetto, chiedendo proprio a loro, attraverso bandi pubblici di idee, di studiare e realizzare nei linguaggi che riterranno più congeniali (musica, teatro, arte cinematografica, scambi con altre realtà europee, ambiente) un sano e responsabile cammino formativo ed aggregativo”.

“A distanza di 16 anni dalla legge regionale 46/95 (‘Promozione e coordinamento delle politiche di intervento in favore dei giovani’) – rileva Serenella Moroder – era necessario adeguarsi ai cambiamenti culturali, sociali, normativi della società contemporanea  e rispondere efficacemente alle esigenze della popolazione giovanile marchigiana.

Il provvedimento è quindi perfettamente in linea con l’Intesa che la Regione Marche, una delle prime regioni italiane, ha sottoscritto con il Dipartimento delle Politiche Giovanili, denominato ‘I giovani C’entrano’. Obiettivo specifico del progetto è investire sui giovani, favorirne gli studi e le esperienze lavorative”.

La legge, inoltre, tende a valorizzare la funzione di indirizzo e programmazione svolta dalla Regione e il ruolo degli enti locali maggiormente connessi alla realtà del proprio territorio: la lettura delle necessità, la pianificazione e la programmazione degli interventi, l’erogazione diretta o indiretta dei servizi e la valutazione qualitativa e quantitativa dei risultati. Ciò alla luce delle disposizioni costituzionali, e  dei principi di sussidiarietà, differenziazione e adeguatezza, in base ai quali la Regione e gli Enti locali svolgono un ruolo da protagonisti per la loro vicinanza ai cittadini, in questo caso i giovani.

Comunicato da: Regione Marche

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.