Il 'Cammino d'Italia' a piedi, Luis fa tappa a Jesi | Password Magazine

Il ‘Cammino d’Italia’ a piedi, Luis fa tappa a Jesi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Luis insieme a Ilaria, l'amica che lo ha accompagnato in un giro per la città.

JESI – Attraversa l’Italia a piedi, camminando lungo la costa zaino in spalla. È l’impresa di un 25enne padovano, Luis Marco Viera Da Cunha E Silva, nato da papà brasiliano e mamma svizzera. Animatore di professione, ha atteso la fine della stagione estiva per intraprendere questa avventura. Partito il 2 ottobre, proprio ieri è arrivato a Jesi e oggi è già in marcia verso Ancona. «Il mio è un pellegrinaggio non di isolamento ma di interazione con le persone, sebbene intrapreso in tempi di covid  – spiega il giovane -. Mi sposto a piedi, solo con lo zaino in spalla, poche monete in tasca e un cartello con su scritto ‘Cammino d’Italia a Piedi’».

Un messaggio che suscita curiosità e stimola il dialogo: «Alcuni si avvicinano e mi chiedono se ho bisogno di qualcosa – racconta Luis -. Io non chiedo denaro o aiuti, ma accetto volentieri del cibo, una doccia o un letto da chiunque voglia offrirmelo». In mancanza di un posto, il 25enne si accampa all’aperto, con la sua tenda: «Ciascuno può aiutare nel proprio piccolo, questa mia impresa vuole indurre gli altri a credere di più nell’essere umano, nella comprensione del prossimo».

Il viaggio prosegue senza tappe o tempi prestabiliti

«Per ora mi sono accadute molte cose belle, ho sempre il sorriso stampato in volto – racconta Luis -. Ho dormito sulla spiaggia, mi sono rinfrescato nelle acque del mare, mi sono imbattuto in un lago rosa, ho visto funghi nascere dalla sabbia. Mi sto davvero godendo ogni istante di questo cammino».

WhatsApp Image 2020-10-21 at 18.02.53

Le difficoltà però non sono mancate: «Ci sono momenti un po’ di sconforto, sento mancanza della famiglia e degli amici. Tuttavia – aggiunge – ritrovo energia dalle persone che incontro e che mi sono vicine. In loro ritrovo i miei affetti. Capita a volte anche di imbattersi in persone diffidenti ma io cerco sempre di non aspettarmi niente da nessuno». C’è poi la fatica ma se serve mi riposo qualche giorno e poi riparto».

Dopo aver attraversato Veneto ed Emilia Romagna, ora Luis è nelle Marche per poi procedere in marcia verso Sud.

A Jesi, ad accoglierlo c’è Ilaria, un’amica di lunga data che lo ha accompagnato in un tour per la città, offrendogli ospitalità:

«Ho visitato il centro storico, mi sono fermato davanti al teatro Pergolesi e poi sono arrivato in piazza Federico II dove è nato l’Imperatore – dice -. C’è uno stile che ricorrere in tutte le città italiane pur mantenendo ciascuna la sua diversità, è bello ritrovare questo aspetto anche in Jesi».
Essendo obiettivo del viaggio l’interazione, le mete di Luis sono le città. Poi documenta tutto sul suo blog Facebook/Instagram Luis_Vieira1995.
«Dalla Calabria risalirò verso la Campania, lockdown e pandemia permettendo – aggiunge -. Al momento, non credo riuscirò a fare Sicilia e Sardegna ma non escludo che possano diventare meta di prossime avventure».

Il ritorno a Padova è previsto per i primi mesi del 2021: «Il mio viaggio non è neanche a metà, ma non mollo – conclude -, sto seguendo il consiglio che mi ha dato mio padre: Fai ciò che più ti rende felice».

A cura di Chiara Cascio

1 Commento su Il ‘Cammino d’Italia’ a piedi, Luis fa tappa a Jesi

  1. Che bel consiglio ti ha dato tuo padre! E che bello leggere quello che scrivi sembra di essere in viaggio con te!! Spero che tanti ragazzi,/e di tutte le fasce di ‘gioventu’ leggano del tuo viaggio, è incoraggiante e strappa sorrisi soprattutto di questi tempi, il tuo è anche un viaggio di fiducia..buon proseguimento !!!! Abbracci 👍😊

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.