Astralmusic

«Prenotazioni al CUP tramite medici di famiglia e farmacie»: la proposta del TDM

JESI – «Prenotare telefonicamente un accertamento o una visita al CUP regionale è un impresa davvero al limite dell’impossibile». Così il Tribunale per i Diritti del Malato (TDM), coordinato da Pasquale Liguori: «Abbiamo provato per tre giorni di seguito a prendere un appuntamento ma le attese al telefono sono state  davvero lunghe ed estenuanti – racconta – Alle ore 11 di ieri avevamo 62 persone in attesa, nei due giorni precedenti alle 10 ne avevamo 54  e questi numeri, a dire anche dei cittadini che si rivolgono a noi , è cosa di tutti i giorni. Noi ci chiediamo allora come fa a prenotare chi non ha il tempo o la possibilità di stare al telefono (per es. per motivi di lavoro; e i cittadini ci dicono che molto spesso  rinunciano all’esame  o in alternativa si vedono  costretti a prendere un giorno di ferie per recarsi agli sportelli del CUP ove, per la verità, anche qui le attese poi non sono cosi brevi. Nei giorni scorsi il presidente della IV commissione Volpini ha fatto in conferenza stampa un altro di quegli annunci (vedi le liste di attesa) a cui poi non si da mai seguito con azioni concrete: la Regione si  impegna a facilitare la prenotazione di esami e visite con accessi on line. Fermo restando che questa non è certamente la strada per facilitare il cittadino (non tutti infatti hanno dimestichezza col computer) noi diciamo da anni che, per rendere più facile e veloce la prenotazione di una visita/esame  basta attivare il sistema di prenotazione CUP presso i medici di famiglia e le farmacie, cosa che nella maggior parte delle nostre regioni si fa da anni (basta andare nel più piccolo comune della vicina Umbria per usufruire del servizio di prenotazione in tutte le farmacie senza file e senza attese). Non si comprende il perché la Regione Marche non è in grado di attivare tale sistema o forse non vuole attivarlo; noi siamo certi che medici di famiglia e farmacisti non aspettano altro, sono tutti in rete con l’ASUR, pronti a fornire un servizio che davvero faciliterebbe il cittadino ed in particolare quello anziano e quello disagiato. Noi ripetiamo il nostro appello alla Regione affinché si proceda quanto prima all’attivazione di questo servizio e invitiamo anche le Istituzioni municipali, le  Conferenze dei Sindaci, affinché anche loro si facciano promotrici di tale nostra richiesta verso la Regione».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*