Il Museo Casa Colocci riapre al pubblico | Password Magazine
Festival Pergolesi

Il Museo Casa Colocci riapre al pubblico

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Riapre di nuovo al pubblico la Casa Museo intitolata ad Adriano Colocci, penultimo discendente dell’antica casata nobiliare jesina, figlio di Antonio ed Enrichetta Vespucci, ultima erede del grande navigatore  fiorentino.

L’antica residenza gentilizia dei Marchesi Colocci, sita nell’omonima piazza, di fronte al Palazzo della Signoria, torna ad essere un’attrazione turistica in grado di offrire ai visitatori un viaggio nel tempo nella Jesi di due secoli fa.

“Le vere opere d’arte del museo sono gli ambienti di vita settecenteschi, recuperati e ricostruiti con attenzione persino nei dettagli – spiega l’assessore alla Cultura Luca Butini – Dal soggiorno al salone da ballo, dalla camera da letto alle salette nobiliari e da pranzo, la Casa Museo Colocci è un gioiello che arricchisce il patrimonio storico cittadino e completa l’offerta turistica del territorio”.

Acquisito nel 1985 dal Comune di Jesi tramite un vitalizio dall’ultima Marchesa Cristina Colocci, deceduta nel 2002 e madre di Attone, scomparso quattro anni prima, il museo era stato chiuso nel 2010 per via del degrado della copertura dell’edificio e riaperto – con solo la quadreria –  nei mesi di maggio e giugno 2013 in occasione dei concerti musicali organizzati e promossi dalla Fondazione Lanari.

I mobili, gli arredi e i suppellettili – trasportati e depositati nei magazzini di Palazzo Pianetti per via dei lavori – hanno fatto rientro negli appartamenti originari solo in vista della riapertura.

L’intervento di recupero del Comune è avvenuto grazie all’impiego di risorse interne e investimenti minimi ed ha permesso il rinnovo delle coperture, la messa in sicurezza del tetto e dell’impianto elettrico, oltre che l’installazione di un impianto d’allarme  a protezione dei beni custoditi.

A capo del progetto, il dottor Enrico Lancillotti, ex comandante della Polizia Municipale che, assistito dalla dott.ssa Romina Quarchioni della Pinacoteca, si è occupato del riallestimento del Museo.

L’antica residenza dei Colocci sarà aperta agli interessati ogni secondo giovedì del mese, dalle 16.00 alle 19.00. Il costo del biglietto è di 3 euro e include la guida. E’  possibile richiedere di visitare il museo – anche in gruppi di massimo 15 persone  – al di fuori del giorno di apertura ma solo su prenotazione, chiamando il numero 0731 538432 (Pinacoteca Civica) o 0731 538420 (Ufficio Turismo).

“Un fiore all’occhiello per Jesi che quest’anno ha assistito ad un’impennata del flusso turistico – ha spiegato il consigliere delegato al Turismo Giancarlo Catani – In vista della stagione estiva, l’impegno dell’Amministrazione sarà quello di ampliare l’offerta, provando ad estendere gli orari d’apertura nei fine settimana”.

(Clicca qui per il video  “Ricordi di Famiglia dei nobili Colocci Vespucci di Jesi”, l’ intervista all’ultimo discendente vivente Virginio Francesco Grilli)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.