Il sindaco Bacci: "Bassotti stia sereno. Sull'Università, la Fondazione Carisj può e deve fare di più" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Il sindaco Bacci: “Bassotti stia sereno. Sull'Università, la Fondazione Carisj può e deve fare di più"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “La nota del presidente Alfio Bassotti conferma i miei dubbi sul fatto che molti componenti del consiglio di amministrazione e dell’organo di indirizzo della Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi non sono ancora pienamente a conoscenza di quello che si sta prospettando per l’Università di Jesi”.

Così il sindaco Massimo Bacci che continua: “È ben evidente, infatti, come la sospensione delle erogazioni liberali assunta all’unanimità dagli organi della Fondazione bancaria e addotta come motivazione di fondo non possa in alcun modo essere riferita al contributo dato alla Fondazione Colocci. Questo nasce, viceversa, in forza di un rapporto contrattuale sottoscritto e determinato dal fatto che la Fondazione Carisj è socia (per altro di maggioranza) della Colocci stessa, esprimendo in tale veste più rappresentanti nel consiglio di amministrazione.

Proprio per questo avevo chiesto di essere ascoltato dal Consiglio di amministrazione e dall’Organo di Indirizzo, persuaso che i componenti avessero potuto comprendere che le mie ragioni, volta a mantenere l’impegno verso l’Università sia pure con un importo ridotto ad un terzo rispetto ad oggi, non erano campate in aria.

Non mi è stato possibile ed a questo punto, ricevendo la conferma della scelta unilaterale di disimpegno della Fondazione Carisj, ho fatto quello che era nei miei obblighi di Sindaco fare, vale a dire informare il Consiglio Comunale e renderlo edotto di cosa era successo, stimolandone un pronunciamento. Aggiungendo che, qualora la Fondazione Cassa di Risparmio avesse mantenuto almeno 100 mila euro rispetto ai 310 che attualmente eroga, il Comune, con uno straordinario impegno finanziario, si sarebbe reso disponibile a trovare la parte restante. Dagli interventi che ho potuto ascoltare nella seduta di lunedì scorso, tutti i gruppi sono concordi con me nel chiedere alla Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi di rivedere la propria decisione, anche con una contribuzione minore rispetto a quella per cui si è impegnata per i prossimi dieci anni, magari aggiungo rinunciando ai compensi per indennità che forse in questo momento appaiono poco opportuni.

E lo si dice, questo, non per la presunzione di guardare in casa di altri, visto che la Fondazione Carisj è del territorio non dei singoli componenti. Così come accogliamo volentieri l’invito a guardare in casa nostra anche se, a ben vedere, il Comune non è né mio né dei consiglieri comunali, ma della città tutta. E proprio in virtù di ciò sono ad invitare il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio al prossimo Consiglio Comunale. Avrò volentieri modo di illustrargli quanto fatto da questa Amministrazione in questi anni e lui avrà, al tempo stesso, l’occasione di spiegare ai consiglieri comunali le vere motivazioni del disimpegno verso l’Università. Auspicando, malgrado le preoccupazioni per il futuro dell’Università, che venga non con il nervosismo che traspare dalle sue dichiarazioni. Stia sereno e mostri quel sorriso che a me, in altre circostanze, ha rimproverato di non avere”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.