Il Verdicchio tra i 50 migliori vini del mondo: premiato il "PassoLento" di Cupramontana | | Password Magazine
Festival Pergolesi  

Il Verdicchio tra i 50 migliori vini del mondo: premiato il "PassoLento" di Cupramontana

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CUPRAMONTANA – Il Verdicchio dei Castelli di Jesi tra i 50 migliori vini al mondo. A dirlo è la classifica del famoso sommelier Luca Gardini pubblicata sulla Gazzetta dello Sport  che colloca al 24° posto il “Passolento” di La Marca San Michele di Cupramontana.
Una piacevole sorpresa per Alessandro e Beatrice Bonci che insieme a Daniela Quaresima gestiscono un’azienda vitivinicola in via Torre, contrada San Michele, seguendo tutte le fasi dalla produzione alla vendita. Il Verdicchio di La Marca San Michele è un vino biologico, prodotto secondo metodi artigianali ereditati e tramandati da tre generazioni: “Le uve vengono trattate senza l’utilizzo di disseccanti – racconta Alessandro Bonci –  Non impiegare queste sostanze killer significa eseguire a mano tutto il lavoro di sfalcio delle erbe  – per evitare che si spostino sulla vite -tuttavia garantisce un prodotto finale di qualità, non inquinato da componenti chimiche e potenzialmente cancerogene”.

Il vino premiato dalla Gazzetta è il Passolento 2013, un Verdicchio invecchiato che migliora con il tempo e, dunque, a passo…lento. Cremoso e sapido, è frutto di una complessa lavorazione artigianale che conferisce eleganza e finezza al prodotto. “Il vino viene lasciato riposare in grandi botti di legno di quercia, un metodo ripreso dall’antica tradizione, quando ancora esistevano i bottai – spiega Alessandro – In questo modo, il Verdicchio viene trattato come si fa storicamente con il vino rosso, acquistando maggiore eleganza”.

Tutti i vini di La Marca San Michele sono biologici: le uve sono lavorate naturalmente e la raccolta è fatta rigorosamente a mano e in cassette.  Tra le altre etichette di questa cantina, il Verdicchio Classico Superiore “Capovolto”, premiato con numerosi riconoscimenti da Slow Food, Gambero Rosso e L’Espresso, e il Marche Rosso IGP “Bastiancontrario”.

“Il fatto che ci sia un Verdicchio tra i 50 migliori vini del mondo deve far da traino a tutta la Regione – è la speranza dello staff La Marca San Michele – Il vino può e deve diventare strumento di promozione e valorizzazione di un territorio”.
Con questo obiettivo, La Marca San Michele ha aderito al Consorzio TerroirMarche che mette in rete circa 13 vignaioli Bio delle Marche, produttori che lavorano il terreno con attenzione e cura: perché da una terra sana nasce un vino sano.

Il circuito organizza anche eventi e fiere per la promozione del vino biologico e, di conseguenza, del territorio che lo produce: prossimo appuntamento sarà ad Ascoli Piceno il 21 e 22 maggio con TerroirMarche in Fiera.

Anche Cupramontana, che da oltre mezzo secolo ospita ogni anno la tradizionale Sagra dell’Uva, ormai trova nel vino uno dei traini principali del turismo, tanto che ormai conta all’interno dei suoi confini una trentina di strutture ricettive. Il 16 aprile sarà inaugurata la nuova enoteca comunale e, all’occasione, il Comune presenterà la mappatura con la classificazione dei vigneti e presentazione dei territori.

“Noi produttori dobbiamo impegnarci affinché il Verdicchio diventi noto in Italia e nel mondo come un vino di media e alta qualità – conclude Alessandro –  La classifica uscita sulla Gazzetta va considerata non solo una vittoria per l’azienda ma un successo per tutti i produttori della zona, per la Vallesina e per la regione. L’augurio è che il Verdicchio diventi sempre più un prodotto di richiamo per il turismo, come un faro luminoso, e uno strumento di promozione e valorizzazione della cultura, dell’identità e delle tradizioni legate alle nostre terre”.

 

a cura di Chiara Cascio | chiaracascio@leggopassword.it

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.