Incremento positivi nella provincia di Ancona e variante inglese, si valutano provvedimenti | Password Magazine

Incremento positivi nella provincia di Ancona e variante inglese, si valutano provvedimenti

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Immagine di repertorio

Si è tenuta questa mattina, in videoconferenza, una riunione convocata dal presidente della Regione, Francesco Acquaroli, che ha presenziato assieme all’assessore alla Sanità, Filippo Saltamartini, e alla dirigente del servizio Sanità, Lucia Di Furia, con la presenza delle principali città della Provincia di Ancona interessate in questo ultimo periodo da un incremento dell’incidenza dei positivi Sars-CoV-2. All’incontro ha partecipato anche la Prefettura di Ancona.

La riunione è stata utile per fare il punto della situazione rispetto all’andamento epidemiologico all’interno del territorio della provincia di Ancona, con particolare attenzione ai comuni che registrano un tendenziale di incremento  da Sars-CoV-2, a differenza degli altri territori provinciali marchigiani che registrano andamenti di leggera regressione della curva epidemica. Le analisi approfondite sviluppate nei comuni più coinvolti hanno rilevato la presenza della variante inglese, presente ancora in un numero limitato di casi, quindi di difficile associazione rispetto all’incremento rilevato nei comuni indicati. Chiaramente questi fattori costituiscono fonte di preoccupazione e richiedono la massima attenzione.

In accordo con i tecnici della regione e i sindaci coinvolti si è deciso di attendere le prossime 48 ore per poter avere una visione precisa e completa dei dati dell’intera settimana che, come concordato questa mattina dalla Regione e da tutti gli amministratori dei Comuni presenti, saranno inviati e valutati assieme al Ministero e all’Istituto Superiore di Sanità per una lettura più approfondita, con lo scopo di concertare l’eventuale e concreta necessità di adottare misure più restrittive a tutela della popolazione.

La Regione, la Prefettura e i Comuni si riuniranno nel breve tempo per confrontarsi e aggiornarsi sulla situazione. I Comuni coinvolti sono stati Ancona, Jesi, Falconara, Osimo, Senigallia, Fabriano, Loreto, Sassoferrato, Castelfidardo, Camerano, Castelplanio, Chiaravalle, Montemarciano e Sirolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.