Lanciano pietre contro auto in corsa, anche il terzo ragazzino parla: "Era un gioco" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Lanciano pietre contro auto in corsa, anche il terzo ragazzino parla: "Era un gioco"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – I Carabinieri di Jesi hanno identificato e denunciato il terzo ragazzo che martedì sera lanciava dei sassi dal Parco del Ventaglio su via XX luglio. Si tratta di un 16enne italiano.

Questa mattina è stato portato in caserma insieme ai genitori e ha confessato la “bravata” parlando anche lui di un gioco sfuggito di mano.

Anche lui è stato denunciato alla Procura dei Minori per il reato di danneggiamento aggravato.

Il fatto accadeva martedì sera, poco prima delle ore 20, quando sono giunte due telefonate al 112 da parte di automobilisti che segnalavano un ripetuto lancio di pietre dai giardini del parco del Ventaglio su via XX luglio di Jesi, con alcuni veicoli che erano stati colpiti e danneggiati. Sul posto intervenivano immediatamente i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile di Jesi che si trovavano in quella zona. Alcuni automobilisti si erano fermati a causa del traffico bloccato dai detriti e dalle auto ferme per i danni e per la  perdita di controllo da parte dei conducenti, e hanno cercato di raggiungere il luogo da cui partivano i sassi, ovvero un muro di contenimento di via Ragazzi del ’99, all’altezza di circa sei metri rispetto al manto stradale. Giungevano in quel momento i Carabinieri che, grazie alle preziose indicazioni dei predetti automobilisti, riuscivano a raggiungere subito il luogo del lancio e individuavano tre giovanissimi che si davano alla fuga. Rincorsi a piedi, due dei tre ragazzi sono stati subito bloccati in via Della Fornace e identificati. Il terzo, intanto, si dava alla fuga.

I ragazzi hanno ammesso le loro responsabilità parlando di un gioco.

Solo il caso ha voluto che quel folle gioco non si trasformasse in tragedia.

I successivi accertamenti permettevano di accertare che i giovani avevano colpito con il loro folle gioco tre autovetture (una VW Touareg, una Renault Clio e una VW Polo); per fortuna i conducenti riuscivano a non perdere il controllo dei veicoli e non ci sono stati feriti, ma solo ingenti danni alle carrozzerie delle auto. Sfiorata una ragazza che percorreva via XX luglio in scooter e che si è fermata per la paura  a pochi metri di distanza dal luogo del lancio delle pietre.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.