Lucaboni (FI): "Con Isee a zero e sfrattata, per la jesina ancora nessuna casa d'emergenza"

JESI –  Di seguito, una nota stampa di Massimiliano Lucaboni, coordinatore cittadino di Forza Italia, inviata per fare il punto sulla questione di C.A., la donna di 49 anni, nata a Milano ma da 30 anni a Jesi, che non riuscendo a trovare lavoro da circa un anno e mezzo, vive in condizioni di povertà: con ISEE a zero, è stata messa allo sfratto dalla casa in cui vive e mangia grazie alla Caritasi.

“Scrivo per informare i tanti che mi hanno chiesto gli sviluppi sulla questione della donna –  dichiara Lucaboni – Mi sono tenuto in disparte, lo ammetto, perchè non volevo interferire più di quanto fatto nella questione. La signora lo sa. Bene ad oggi quello che appare e quello che è stato fatto è questo: l’ASP ha pagato un mese di affitto alla donna che, non dimenticate, rischia di andare a vivere in macchina. Tuttavia, sulla questione più importante, quella del lavoro, sembra nicchiare. Dopo l’ultimo incontro con l’assessore ai servizi sociali gli è stato detto che case di emergenza per lei non ce ne sono. Infatti nonostante l’ottimo impegno degli assistenti sociali, per la C.A., italiana, da 30 anni jesina, oltre non si può andare. Se vuole una casa di emergenza, le hanno detto, deve rispondere ad alcune situazioni. In primis, l’ ISEE a ZERO: E CI SIAMO, SFRATTO ESECUTIVO. Bene proprio qui mi sorge una domanda.

La donna già nel 2014 fu sottoposta a sfratto esecutivo essenziale per poter richiedere la casa di emergenza. Ebbene, fece domanda e gli fu assegnato il numero 144: quello era il suo numero per accedere alla casa di emergenza. Oggi abbiamo scoperto che non solo la signora non è in quella lista ma il suo posto è stato surclassato da altre 9 persone, passando al numero 153. Ora mi domando e vi domando perché? Perché non è stata inserita nella lista dei bisognosi?

Insomma dopo tanto fare e parlare siamo al punto di partenza. La poveretta rischia ancora di andare a vivere in una macchina e l’Amministrazione nonostante ” l’impegno ” promesso al momento se ne lava le mani.Non credo che questa sia la strada migliore per aiutare i nostri concittadini, mentre per chi arriva dal mare porte e case aperte per noi non si arriva mai a conclusione. Razzismo? Si ma al contrario. Siamo andati sulla stampa nazionale per le mense migliori d’Italia magari il Comune potrebbe invitare la signora a pranzo in qualche scuola almeno potrebbe mangiare una volta al giorno”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*