Marasca, scelto e sostenuto dalle liste civiche: «Il nostro un progetto di continuità» | Password Magazine

Festival Pergolesi

Marasca, scelto e sostenuto dalle liste civiche: «Il nostro un progetto di continuità»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Il candidato a sindaco Matteo Marasca con la sua squadra

JESI – Il candidato a sindaco alle prossime elezioni amministrative per le liste civiche Matteo Marasca dà inizio alla sua campagna elettorale.

L’avvocato 37enne ha rassegnato ieri le dimissioni dall’incarico di presidente dell’Asp ambito 9 per concorrere alla fascia tricolore :«Ho deciso di accogliere la proposta che mi è stata fatta dalle liste civiche che attualmente governano la città e di partecipare alle prossime amministrative quale candidato sindaco. Ringrazio per questa fiducia che mi permette di essere candidato sindaco nella città in cui sono nato, cresciuto e in cui vivo con la mia compagna Silvia».

«Voglio che le persone continuino a vivere in una città più curata, inclusiva, attrattiva, competitiva, dinamica e soprattutto più entusiasta delle proprie potenzialità». E ai motivi principali aggiunge :«Mi candido perché ho un forte legame con questa città. Il mio impegno come è avvenuto negli ultimi anni a sevizio dell’ASP, sarà e vuole essere un impegno semplicemente per Jesi. Il percorso che inizierò lo farò all’interno di liste civiche insieme a tante persone, molte alla prima esperienza in politica, altre con un percorso amministrativo alle spalle».

19AC0181-D532-4A05-93E7-53EB5180B04F
Il candidato a sindaco Matteo Marasca con il sindaco di Jesi Massimo Bacci

All’Hosteria Dietro Le Quinte, dove si è svolta stamani la conferenza stampa, Marasca ha illustrato la campagna elettorale che lo attende. «Una campagna che – fa sapere – sarà interamente finanziata da me. Credo che sia un elemento di trasparenza che mi permetterà in caso di vittoria elettorale di prendere decisioni nell’esclusivo interesse della città, senza subire alcun condizionamento che possa orientare le mie scelte».
Il candidato è pronto a raccogliere l’eredità del sindaco uscente Massimo Bacci, presente anche lui all’incontro, e avvierà una campagna «per permettere ai singoli cittadini di esprimere le loro idee».

«Utilizzeremo la Mappa del Fare: un tabellone composto da tante J colorate che saranno riempite con idee raccolte nei vari quartieri di Jesi nelle prossime settimane – spiega Marasca – . Metteremo al centro della nostra azione amministrativa i bisogni dei cittadini. Questa è l’idea di coesione sociale che vogliamo garantire nei prossimi anni. Niente di astratto ma solo cose concrete».

Marasca inoltre anticipa che presenterà via via metà della squadra di governo, come avvenuto nelle passate campagne elettorali attraverso apposite iniziative, sottolineando come questo sia un elemento di trasparenza per i cittadini che potranno vedere e capire con quali logiche e modalità in sindaco individuerà i componenti della futura giunta. Il candidato afferma anche che in caso di vittoria eliminerà la figura dell’assessore ai Lavori pubblici, delega che terrà per sé in qualità di sindaco  perché «spetta al sindaco andare nei quartieri, confrontarsi direttamente con i cittadini, monitorare la situazione delle infrastrutture cittadine e informare la cittadinanza circa l’avanzamento dello stato dei Lavori pubblici in questa città». L’obiettivo è «riportare la politica nei quartieri».

20220316_114209

Uno dei nodi fondamentali in cui si incentra la campagna la continuità ovvero «proseguire il cambiamento messo a punto dall’Amministrazione uscente, che è stato avviato e deve rimanere. Non si può tornare indietro. Ci aspettano sfide importanti – dice Marasca – Siamo per un’amministrazione presente, efficiente che lavori per non perdere la centralità che oggi Jesi ha acquisito nel territorio e soprattutto che sappia assumersi la responsabilità di decisioni importanti. Questo noi faremo, per questo noi lavoreremo e lo faremo nei prossimi giorni, nelle prossime settimane ancora una volta per Jesi».

Le liste civiche di supporto saranno ufficializzate nei prossimi incontri: «In questi giorni abbiamo avviato il dialogo con le altre liste, compresa quella dei Riformisti. Il nostro sarà un progetto civico senza simboli di partito».

C.P.

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.