Marcolini a Jesi, "La sfida è coniugare continuità e innovazione" | | Password Magazine

Marcolini a Jesi, "La sfida è coniugare continuità e innovazione"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI  – “Se dopo 7 anni di crisi le Marche possono permettersi di non far pagare al 50% dei cittadini l’addizionale regionale Irpef, evidentemente partiamo da una base solida che non può essere disconosciuta per logiche elettorali. Ciò è avvenuto, tra l’altro, garantendo l’equilibrio finanziario dell’Ente regionale, come attestato dalla Corte dei Conti. Non possono dire la stessa cosa tutte le Regioni del Sud e almeno quattro del Centro-Nord: il Piemonte, ma anche il Veneto e la Liguria sono a rischio”. Parola di Pietro Marcolini che ieri è stato accolto a Jesi da oltre 150 persone presenti all’iniziativa che si è tenuta al Palazzo dei Convegni, lungo corso Matteotti.

Il candidato per le Primarie del centrosinistra prosegue, dunque, il suo tour di incontri con la cittadinanza in vista della consultazione del primo marzo. Larga partecipazione di cittadini, amministratori, imprenditori, mondo del lavoro, membri di associazioni del volontariato e culturali.

“Mi sono candidato – spiega Marcolini – per superare l’idea troppo diffusa in politica per cui ‘meno siamo e meglio stiamo’ e per far entrare energie e competenze nuove. Intendo accompagnare un rinnovamento consapevole e capace di affrontare le sfide complesse che abbiamo di fronte. L’esperienza è un’opportunità, non un vincolo. Dobbiamo rinnovare l’organizzazione regionale dando spazio al merito. La sfida del Pd, forza di governo e non di opposizione, è quella di coniugare continuità e innovazione. Nelle Marche non siamo in Calabria”.

Tra i presenti e i sostenitori di Marcolini della Vallesina: i consiglieri regionali Enzo Giancarli e Fabio Badiali, il capogruppo del consiglio comunale jesino Matteo Marasca, il consigliere provinciale Daniele Olivi, i consiglieri comunali Stefania Mancinelli, Stefano Bornigia e Francesco Rossetti, la presidente dell’Unione comunale Emanuela Marguccio, i Sindaci di Maiolati Spontini Umberto Domizioli e di Monte San Vito Sabriana Sartini, il vicesindaco di Morro D’Alba Simone Spadoni, il consigliere provinciale Mattia Morbidoni e il presidente del Gal Colli Esini-San Vicino Riccardo Maderloni.

Marcolini ha commentato la notizia che vede le Marche al secondo posto nella classifica della Green Economy 2014, stilata da Fondazione Impresa-Studi sulla piccola impresa. “Ci pone alla testa di un ambito trasversale di sviluppo, ricco di potenzialità, anche per settori in crisi come l’edilizia. Occorre ristrutturare e riconvertire la nostra economia, ma senza dimenticare che siamo la nostra seconda potenza industriale d’Europa. Non esistono settori maturi, penso alla meccanica, che non possano essere ulteriormente innovati e continuare a dare lavoro e produrre ricchezza. Le crisi aziendali che hanno colpito la Vallesina devono spingerci ad innovare nei settori tradizionali e a battere con convinzione nuovi sentieri di sviluppo”.

Un discorso ampio per illustrare il suo programma, tenendo bene a mente che “dobbiamo distinguere la politica dall’amministrazione e dalle funzioni di alta dirigenza; il nostro sarà un metodo di governo collegiale e partecipato. Pensare che la Regione sia un grande Comune che si occupa di tutto è una concezione da anni ’80. La Regione che vogliamo è il contrario del campanilismo: programmare le scelte, selezionare le priorità, abolire il superfluo. La crisi c’impone ciò che il buonsenso avrebbe suggerito già da tempo”.

Oggi Marcolini è atteso ad Ascoli all’auditorium del Polo Sant’Agostino (ore 18) mentre domani sarà a Fano alla bocciofila “La Combattente” (ore 21). Domenica 8 febbraio alle ore 10, primo giorno ufficiale della campagna elettorale, Pietro Marcolini inizierà il suo viaggio nelle Marche dal Comune più piccolo della regione, Acquacanina, dove incontrerà i Sindaci. “E’ il segno della nostra volontà di pensare a tutte le Marche e di renderle partecipi e interpreti di un progetto di futuro” ha detto Marcolini.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.