«Morosetti, su spostamento fontana decidano i cittadini con il referendum» | Password Magazine

«Morosetti, su spostamento fontana decidano i cittadini con il referendum»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
PD e Jesi in Comune

JESI – «Fontana dei leoni, spetta ai cittadini decidere se riportarla o no in piazza della Repubblica». É questa la posizione assunta dai gruppi politici PD e Jesi in Comune che unitamente invocano il referendum e annunciano una condivisione di intenti che li vedrà coesi anche all’appuntamento elettorale del 2022 con le amministrative.

«Il lascito di Morosetti – spiega Stefano Bornigia, segretario del PD Jesi – avrebbe una destinazione migliore se devoluto in beneficenza. L’obelisco in piazza della Repubblica non appartiene alla memoria di questa generazione, non si può decidere di spostarlo sulla base dei ricordi d’infanzia di un personaggio. Piuttosto crediamo che i cittadini debbano essere consultati, spetta a loro dire come meglio disporre di una piazza che è un luogo della collettività. Il referendum potrebbe essere una soluzione, tempi e pandemia permettendo. Tuttavia l’atteggiamento dell’Amministrazione ci fa pensare che la decisione sia già sta presa: la campagna di comunicazione è stata pensata per indurre i cittadini ad accettarla».

Dello stesso parere è Filippo Cingolani, presidente di Jesi in Comune:

«Dare qualcosa per ottenere qualcosa: a noi sembra che Morosetti ci abbia posto di fronte a un ricatto, con furbizia ci ha messo in difficoltà e questo non possiamo accettarlo. Crediamo poi che ci sia a monte un problema linguistico: questa Amministrazione sembra aver confuso il confronto con la comunicazione. Le piazze sono luoghi pubblici pertanto chiediamo il referendum cittadino, tanto più non essendo lo spostamento della fontana parte del programma di mandato di questa Giunta».

La parola è passata poi ai consiglieri comunali: Andrea Binci, capogruppo PD Jesi, ha parlato di un «dibattito surreale in un momento in cui i problemi sono altri», concordando sul referendum;  Agnese Santarelli (Jesi in Comune) ha contestato i metodi con cui l’Amministrazione sin dall’inizio ha affrontato il discorso, calzando poi sulla campagna di comunicazione dedicata a Morosetti e la fontana, «pensata più per convincere che per richiamare la partecipazione, quando invece la decisione spetta alla città». E aggiunge: «Una discussione che nasce dalla volontà di un ricco di spostare la fontana. Dato che la richiesta di referendum può essere avanzata dai 3/4 del Consiglio comunale, chiediamo a tutti i consiglieri di minoranza e di maggioranza di pronunciarsi a favore della partecipazione». In caso in cui mancassero i numeri per formulare la proposta di referendum, si passerà alla raccolta delle 2 mila firme necessarie tra i cittadini».
Conclude Emanuela Marguccio (PD): «Dicono che la fontana vada riportata nella piazza dove è nata ma va bene anche spostare il monumento a Pergolesi dal luogo d’origine. Risparmiamo piuttosto alle attività del centro ulteriori disagi dovuti a lavori e cantieri: la miglior strada percorribile è quella della beneficenza».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.