Fontana dei Leoni, botta e risposta tra PD e Bacci | Password Magazine

Fontana dei Leoni, botta e risposta tra PD e Bacci

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Questione fontana, è botta e risposta tra PD e Amministrazione comunale.

A una settimana dalla consegna di proposta di referendum, sottoscritta insieme a Jesi in Comune, il segretario di partito Stefano Bornigia solleva una nuova questione: «L’Amministrazione comunale, che era chiamata ad affidare un incarico, per la verifica delle condizioni per lo spostamento della fontana dei leoni,  si rivolge (guarda il caso) ad un architetto, che già il 21 ottobre scorso, invitato dalla stessa Amministrazione comunale ad un convegno proprio sull’ipotesi di spostamento, si era già pubblicamente espresso avallandolo, senza mezzi termini. Soldi pubblici spesi quindi per avere una conferma certa, non una verifica dall’esito incerto».

E aggiunge:

«Ci troviamo di fronte ad una scelta amministrativa che prevede il cambiamento di un tratto consolidato dell’identità cittadina, commissionato da un lascito privato di un cittadino di Jesi, vissuto per decenni lontano da qui, che riceve una conferma tecnica utile alla conferma politica, senza che quelli che contano davvero, i cittadini di Jesi, abbiano mai potuto dire la loro. Manca peraltro la vera verifica necessaria, ovvero quella tecnico giuridica, rispetto ad un atto testamentario che pone complessità (già sottolineate pubblicamente anche da voci tecniche esterne alla politica) ed eventuali responsabilità,  che andrebbero invece risolte per il bene di tutti.

Ma tant’è. C’è chi decide il futuro di tutti, con un testamento privato ed un avallo architettonico.

Bastano questi pochi dati, in sostanza, per capire quale sia l’unica vera ferita che sta sopportando la città e quale sia l’errore, grossolano che occorre prevenire.

La città deve potersi esprimere direttamente, ancor di più oggi, alla luce anche di questo ennesimo pessimo passaggio, offerto dalla pessima amministrazione comunale di Jesi.

E’ di tutta evidenza infatti che il nodo della discussione non attiene (e non è infatti mai stato realmente rivolto) al pregio architettonico dell’eventuale spostamento. 

Il tema riguarda invece il metodo delle decisioni di governo ed il percorso che le deve sostenere, soprattutto quando sono importanti.

Quella di specie assume sempre di più i tratti tipici del “capriccio” di chi vuol decidere senza confronto.

Noi a questo ci opporremo, con ogni mezzo democratico e con l’aiuto dei cittadini di Jesi».

Non tarda ad arrivare la replica del sindaco Massimo Bacci: «Ritengo priva di senso la polemica che vuole alimentare il Pd relativamente all’incarico al prof. Fabio Mariano e poco rispettosa della figura individuata che è ad oggi, senza tema di smentita, il massimo esperto in materia di restauro e riqualificazione architettonica, disciplina che insegna alla Facoltà di Ingegneria della Politecnica delle Marche».

Così il sindaco che continua:

«Ma al di là di tutto, quello che appare deprimente è l’ossessione del Pd per la vicenda del ritorno della fontana in Piazza della Repubblica. Una ossessione che gli sta facendo perdere di vista la drammatica realtà che stiamo vivendo. Siamo nel pieno di una pandemia che sta mettendo a dura prova il sistema sanitario ed assistenziale, che sta rendendo più fragili chi era già in marginalità economica e sociale e che sta creando nuovi poveri. Siamo di fronte ad una crisi economica che sta mettendo in ginocchio piccoli e grandi negozi, aziende, l’intero sistema produttivo. Eppure l’unica preoccupazione del Pd di Jesi sembra essere quella della fontana dei leoni.

L’Amministrazione comunale è impegnata come non mai a provare a trovare soluzioni per sostenere le fasce sociali più deboli, per supportare le associazioni di volontariato che stanno compiendo un lavoro immane per non lasciare indietro nessuno, per tenere sotto controllo una spesa che possa liberare risorse per fronteggiare la pandemia in tutti i suoi aspetti. Ci saremmo aspettati, in questi mesi, un contributo di idee, di proposte e di suggerimenti dal Pd su questi temi. L’unico argomento che invece continua in maniera stucchevole a portare avanti è lo spostamento della fontana. Che sarà pure un argomento importante, per carità, ma che sia esclusivo nel dibattito politico è davvero imbarazzante».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.