Ospedale Carlo Urbani: quale sanità ci aspetta?

JESI – Grande afflusso di cittadini e di operatori sanitari e di sindaci all’assemblea pubblica del 29 novembre sul tema della sanità, organizzata dal Tribunale per i Diritti del Malato, di concerto con il Comune, anche su proposta della Commissione Consiliare di Studio Sanità, e con la Regione Marche, rappresentata dai consiglieri regionali Enzo Giancarli e Fabio Badiali.

Il Dott. Piero Ciccarelli, direttore Asur Marche e Area Vasta 2, promette ai presenti e al sindaco Bacci, una sanità basata su un’alta qualità della cura, mediante l’attribuzione delle unità operative (ex reparti) agli Ospedali di Jesi, Senigallia, Fabriano e Osimo, sulla base di criteri “oggettivi” riferiti all’ ”appropriatezza”, ai volumi e alla complessità dei casi trattati per le varie patologie. Questo viste le eccellenze presenti nei nostri nosocomi ci fa ben sperare soprattutto laddove i numeri sono inconfutabili, saranno eventualmente le persone che si sposteranno per ricoprire il ruolo di primario di AV2, come previsto per le Unità Operative Complesse! Vedremo se questi criteri  e le garanzie date saranno rispettati e come!

Intanto mentre si parla molto di reti cliniche, perché sicuramente la partita della riforma si gioca su questi elementi, ancora nulla di certo e definito per gli altri pilastri della riorganizzazione ovvero:

–          le case della salute destinate a gestire patologie croniche in collaborazione con i medici di base e ad alleggerire l’occupazione dei posti letto negli ospedali, nonché le attese per la diagnostica che in parte verrebbe fatta al loro interno;

–          la rete dell’emergenza, destinata ad un potenziamento per permettere lo spostamento dei pazienti da un ospedale all’altro per essere portati nella struttura più idonea in base alla necessità della cura;

Così come nulla di certo per il completamento del  Carlo Urbani, per il quale la Regione sostiene che quanto di sua competenza sarà ultimato nei termini stabiliti, ovvero entro l’anno, ma di fatto la data per una completa ed effettiva funzionalità dello stesso non è stata menzionata, salvo giustificare un eventuale ritardo di qualche mese. Certo cosa sono a questo punto ulteriori tre/quattro mesi di sprechi (se dovessero bastare per i necessari allestimenti e trasferimenti dei reparti) rispetto a venti anni di ritardo?

E le tanto attese sale operatorie, oggi finalmente in fase di realizzazione con tecnologie avanzate, che tipo di interventi saranno destinate ad effettuare? Speriamo non diventino ancora una volta uno spreco di soldi per eccesso di zelo in un momento di concentrazione dei servizi.

Intanto rimane e cresce la giusta preoccupazione per le lunghe, vergognose, liste di attesa per le visite specialistiche (di media un centinaio di giorni) e per gli esami diagnostici (di media oltre l’anno), che spesso inducono i cittadini a rivolgersi al privato a pagamento o ad andare fuori regione, oltre alle attese al pronto soccorso, destinato a supplire anche alla soppressione di Cingoli. E a questa si aggiunge la preoccupazione per i prospettati spostamenti a proprio carico e per quelli dei familiari, nella rincorsa del posto dove potersi curare in maniera adeguata e più efficiente, soprattutto in questo momento di particolare difficoltà economica che mette a dura prova molte famiglie. Anche qui Ciccarelli parla di appropriatezza delle richieste per esami prescritti, con priorità inesatte o in eccesso a fronte magari di eventi infortunistici che dovrebbero passare privatamente tramite le assicurazioni, e di inappropriatezza del pronto soccorso. Ma chi è preposto a fare questo tipo di valutazioni e a mettere in atto i meccanismi perché il sistema funzioni in maniera adeguata? È sicuramente ora di mettere mano non solo a grandi progetti, ma anche alla soluzioni di problemi concreti che sono alla base di una cura “appropriata”, i primi a richiederlo sono proprio i medici di medicina generale.

In conclusione una grande riforma strutturale che speriamo non diventi, come quella dell’ormai superato ospedale modello, mai attuato, e soprattutto che tenga conto e trovi soluzione ai reali disagi che vivono i pazienti e i familiari quando si trovano a dover affrontare la malattia.

Il virtuosismo non è fatto solo di grandi numeri, ma di risposte concrete e dubbi a riguardo sinceramente rimangono! Continueremo sicuramente a vigilare.

Comunicato da: Paola Lenti – Presidente Commissione Sanità

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*