PD Jesi, appello per un'alleanza elettorale: «Costruiamo insieme la Jesi che verrà» | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

PD Jesi, appello per un’alleanza elettorale: «Costruiamo insieme la Jesi che verrà»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Dal PD Jesi un appello alle forze politiche e sociali di centrosinistra per creare una proposta chiara e valida in vista della elezioni comunali del 2022.  Dalla Casa del Popolo, i rappresentanti comunali e regionali dei democrat si dicono pronti ad assumersi le responsabilità di «un nuovo cammino nel segno della discontinuità», di un progetto politico da condividere insieme a chi aspiri a rappresentare, al fianco del PD, «il punto di riferimento per la Jesi che verrà».

«Nella convinzione che la città debba voltare pagina rispetto agli ultimi anni di amministrazione comunale – spiega il segretario del PD Jesi Stefano Bornigia – il PD Jesi sente di dover lanciare un forte appello a tutti coloro che si riconoscono saldamente nei valori fondanti del centrosinistra per costruire insieme una chiara proposta politica, partendo dal lavoro, dall’equità, dalla solidarietà, dalla partecipazione, dall’integrazione e dall’anti-fascismo». Per Bornigia «i recenti e incoraggianti risultati elettorali ottenuti dal Partito Democratico di Jesi alle ultime elezioni politiche e regionali» convincono che la strada da intraprendere sia quella di «dare avvio a una nuova fase costituente del centrosinistra cittadino» e di promuovere  «un’alleanza ben piantata che interrompa questi anni di politica trasversale, di scelte amministrative incomprensibili degenerate in sorda autoreferenzialità, contro una città che non si è potuta esprimere in nessun modo» .

Il riferimento è alla questione dello spostamento della fontana, definita dal PD Jesino come una «scelta fatta dall’Amministrazione contro il volere diffuso della città» e «senza la possibilità di interpellare direttamente i cittadini sulla questione». «Una maggioranza che va avanti senza ascoltare – accusa Bornigia. – La nostra proposta ambisce a coinvolgere i tantissimi tessuti associativi cittadini, a partire da chi, nel maggio 2019, ha partecipato con entusiasmo all’incontro, organizzato presso la Casa del Popolo, con il medico di Lampedusa Pietro Bartolo, oggi nostro parlamentare europeo». E infine: «Chi amministra la città oggi ha svelato negli ultimi mesi un’indole decisionista e egocentrica – prosegue -, priva di quella volontà di confronto incompatibile con i valori, la storia e il futuro di Jesi».

pd
Da sinistra: Antonio Mastrovincenzo, Stefano Bornigia e Manuela Bora

Al fianco di Bornigia, i consiglieri regionali Manuela Bora e Antonio Mastrovincenzo, rispettivamente ex assessora ed ex presidente dell’assemblea legislativa delle Marche nella precedente Giunta Ceriscioli. «Con il gruppo consiliare c’è sempre stata un’ottima sinergia – dice Bora -. Va ricordato che è merito del PD se sono state fatte opere utili per la città con la Giunta Ceriscioli. É chiaro ormai che l’attuale Amministrazione non è che una finta lista civica, dietro cui opera il centrodestra. Sono convinta che i cittadini traditi e delusi da questo modo di governare sappiano rispondere all’appello». Per Mastrovincenzo «il PD è pronto a tornare a governare nelle principali città, c’è voglia di tornare al governo e di creare un perimetro di centrosinistra forte ed allargato. Ai cittadini vanno fatte proposte concrete, non promesse irrealizzabili, e la scelta della candidata o del candidato sindaco deve essere concordata in maniera unanime e vertere su una persona che si faccia portavoce dei nostri valori».

Alla conferenza stampa indetta alla Casa del Popolo sono intervenuti anche i consiglieri comunali del PD. Il capogruppo Andrea Binci ha parlato «della necessità di un cambio di passo, data l’incapacità di gestione dell’Amministrazione comunale di questioni come il PUMS o il bilancio che sta andando verso l’indebitamento». Per il PD, infatti, rimprovera Bacci di «aver gestito il Comune come un’azienda, con un occhio rivolto più alla ragioneria che ai cittadini». «Senza contare – riprende Binci  -le opere che si trascinano nel tempo, come la scuola Martiri della Libertà, o il problema del deterioramento del ponte Granita». Per il consigliere comunale Lorenzo Fiordelmondo «sono tante le tematiche da affrontare, non da meno è far acquistare Jesi una posizione centrale nel panorama provinciale». Infine, la consigliera Emanuela Marguccio ha sottolineato come «il gruppo consiliare sia unito e lavori in sinergia con i consiglieri regionali, una verticalità del partito che fa la differenza rispetto le liste civiche».

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.