Pergolesi, spostamento: se ne parlerà in Consiglio comunale | | Password Magazine

Pergolesi, spostamento: se ne parlerà in Consiglio comunale

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

 

JESI – E’ passato oltre un mese dalla richiesta di istanza di referendum inviata al Sindaco da parte del Comitato Nessuno Tocchi Pergolesi, contrario allo spostamento del monumento dedicata al compositore jesino di qualche metro indietro rispetto alla posizione attuale in occasione dei lavori di riqualificazione dell’omonima piazza.

“Dovrebbe essere lasciato al centro della Piazza per ricordare ciò di cui andiamo orgogliosi e trarne anche un vanto anche dal punto di vista economico (ricordiamo la città di Salisburgo, dove tutto si muove grazie a Mozart). E noi cosa facciamo? Lo mettiamo in fondo” sostengono i promotori del referendum che vuol portare i cittadini alle urne per esprimere il proprio giudizio sulla questione.

Il sindaco Bacci risponde confermando le difficoltà tecniche a procedere per giudicare l’ammissibilità della consultazione. Lo Statuto comunale, infatti, prevede che a valutare le indizioni di Referendum sia un Comitato di Garanti, presieduto dal Difensore civico comunale, figura non più presente in quanto superata ai sensi della legge 23.12.2009 n.191.

Occorrerebbe prima una modifica dello Statuto Comunale, dunque: il Primo cittadino avrebbe già dato mandato agli Uffici comunali e invitato il presidente del Consiglio comunale ad attivarsi sulla questione affinché le proposte di modifica siano approvate in tempi utili, permettendo di individuare la nuova composizione del Comitato dei Garanti.

Resta il dubbio se la consultazione possa riuscire a tenersi prima che i lavori su piazza Pergolesi abbiano effettivamente inizio.

Intanto, in Comune sono arrivate le offerte da parte di otto ditte per eseguire i lavori sulla piazza. Trascorrerà probabilmente un altro mese di verifica e poi 35 giorni per la stipula del contratto. Il cantiere potrebbe aprirsi nei primi di maggio.

Il M5S fa sapere che ha già presentato una mozione per il prossimo Consiglio comunale del 31 gennaio che impegna a sospendere l’iter procedurale in corso finalizzato all’avvio dei lavori per il restyling di Piazza Pergolesi ed all’arretramento del monumento dedicato all’omonimo compositore, nonché a mettere in campo azioni per pubblicizzare la reale portata del progetto: “Ci troviamo di fronte all’ennesima forzatura nei confronti dei cittadini che, giustamente, richiedono almeno di poter dire la loro e di poter incidere nelle scelte che ricadono direttamente sulla loro quotidianità, oltrechè sulle tasche di tutti – si legge in una nota stampa – Di fronte ad una richiesta di referendum comunale per consultare i cittadini permettendo loro di esprimere se sono d’accordo o meno sullo spostamento del monumento a Pergolesi, l’Amministrazione pare stia ugualmente mandando avanti le procedure di gara per l’affidamento dei lavori. In questo modo il rischio è che il referendum, se verrà svolto, potrebbe arrivare… troppo tardi, quando già i lavori sarebbero terminati oppure quando la procedura di affidamento sarebbe troppo avanti per poterli fermare senza recare danno all’Ente”.

Anche il PD non sarà da meno e il consigliere comunale Francesco Rossetti (PD) è pronto a presentare un’interrogazione per far luce su “quali motivazioni spingono l’Amministrazione comunale a procedere con lo spostamento del monumento di G.B. Pergolesi e se invece non ritiene più opportuno sospendere o bloccare l’iter amministrativo” considerato che “numerosi sono stati, anche negli ultimi giorni, le indicazioni contrarie allo spostamento del monumento del grande musicista da professionisti e associazioni del mondo della Cultura, dell’Arte e di tutela del patrimonio storico di Jesi alcuni dei quali hanno anche paventato rischi di danneggiamento della statua e che si è costituito un comitato di cittadini nominato “Nessuno tocchi il pergolesi” che ha in più occasioni e con valide motivazioni espresso la contrarietà a questo progetto fino a proporre il referendum abrogativo cittadino affinché il progetto riguardante la statua venga ritirato”.  Il Sindaco e l’assessore di competenza saranno inoltre chiamati a rispondere se, a fronte dell’investimento, non ritengano che “siano altre le priorità di riqualificazione del centro storico” e “se sono stati valutati e da chi eventuali danneggiamenti derivanti dallo spostamento del monumento centenario”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.