Jesi, al Pronto soccorso un murales simbolo di Carità | Password Magazine
Festival Pergolesi

Jesi, al Pronto soccorso un murales simbolo di Carità

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Un murales per il Pronto soccorso di Jesi. Da martedì, gli street artist di Technicals sono a lavoro per realizzare l’opera d’arte sulla parete esterna dell’edificio. Dopo aver realizzato la Clio nel quartiere San Giuseppe e il murales del Man Cave, il talentuoso trio composto da Federico Zenobi, Corrado Caimmi e Nicola Caneracci si è di nuovo riunito sulle impalcature per regalare alla città un nuovo simbolo di speranza.

20200903_105716

È la Carità Celeste, reinterpretazione della virtù dipinta da Simon Vouet nel 1640: «Per noi, l’immagine rappresenta il simbolo della Carità dei medici e del personale ospedaliero verso i propri pazienti –  racconta a Password Federico Zenobi –. Certo, ci siamo presi qualche licenza ‘poetica’ rispetto all’opera originale: come quella di aggiungere elementi paesaggistici, come il San Vicino, sullo sfondo, a suggellare il legame con il territorio».

Sulla parete, si legge anche la scritta Il Principio fondamentale della medicina è l’amore: «L’opera è una nostra donazione alla comunità – prosegue Zenobi -. Subito dopo l’emergenza sanitaria, ci siamo rivolti al dirigente medico ospedaliero dott.ssa Dr.ssa Sonia Bacelli per sottoporre alla sua attenzione la nostra proposta ed è stata accettata. Grazie al supporto anche di preziosi sponsor come Paradisi srl, Caparol e Ci.Effe Costruzioni doneremo alla città questa nuova opera». Una sinergia di intenti che renderà il murales ancora più prezioso e speciale. Meteo permettendo, dicono gli artisti, sarà possibile ammirarlo nella sua interezza già dalla prossima settimana.

A cura di Chiara Cascio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.