PRC: "La Sinistra per Jesi unita nel nome di Jesi in Comune". | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

PRC: "La Sinistra per Jesi unita nel nome di Jesi in Comune".

JESI – La Sinistra per Jesi. E’ questo il titolo della nota stampa inviata dal Partito di Rifondazione comunista – Circolo K.Marx Jesi in cui si legge: L’esperienza maturata nel comitato per il NO alla revisione costituzionale proposta dal governo Renzi è andata di pari passo, nella nostra città, con la costruzione progressiva di un progetto che incontra come prima tappa le elezioni amministrative ma che ha come obbiettivo duraturo un laboratorio politico per creare, con il metodo della “politica in comune”, un’alternativa politica a tutte le forze neo-liberiste, Partito democratico compreso con i quali non è praticabile nessuna alleanza.

Il PRC sta lavorando proficuamente con le altre forze di sinistra e con la nuova realtà che si va componendo: Jesi In Comune.
La sfida è quella di mettere in connessione le diverse realtà associative e politiche per superare frammentarietà e chiusure”.

Superare le diversità dunque di pensiero per fare fronte comune su molte questioni: “Ci siamo incontrati nel 2011 durante il referendum vittorioso per affermare che l’acqua è pubblica, ci siamo incontrati per affermare il diritto delle donne all’applicazione della legge 194, in una struttura ospedaliera  “Carlo Urbani” in cui tutti i medici sono  tutt’ora obiettori di coscienza – si legge nella nota – Oggi ci aspettano nuove sfide che attengono alla ripubblicizzazione dei servizi locali,ad una sanità che sia pubblica, ad un territorio che sia a dimensione umana e non risponda alle logiche del profitto dei palazzinari e società immobiliari, politiche che non hanno nulla a che fare con la logica del pareggio di bilancio, che costringe le comunità locali  ad un impoverimento che si basa sulla contrazione dei diritti.Rifondazione già da anni sta lavorando per un progetto che oggi trova condivisione con gli altri soggetti su temi che dal globale incidono fortemente sulle politiche locali dove le logiche salvabanche contano più dei diritti”.

E aggiunge: “Non può esserci un buon governo locale se non si contrastano le leggi che nel nostro Paese che stanno distruggendo e impoverito il tessuto sociale i quartieri e la vita quotidiana delle persone (jobs act, vauchers, buona scuola,privatizzazioni).

Le soggettività che hanno contribuito,anche nella nostra città , alla riaffermazione dei valori della carta costituzionale  sono impegnate alla messa in pratica di quei valori. Abbiamo passato i 5 anni della giunta Bacci, ascoltando il silenzio assordante del partito democratico,tanto che ci era ben chiaro che in consiglio comunale non ci fosse un’opposizione. Rifondazione comunista è impegnata e da il suo contributo per un progetto condiviso di città fondato sui diritti così come ci insegna La Costituzione nata dalla resistenza”.

Comunicato da: Partito Rifondazione Comunista  – CIRCOLO K.MARX-JESI

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.